(ANSA/GIORGIO ONORATI)

Scalfari dice che non voterebbe mai Berlusconi

Questa settimana i giornali avevano molto scherzato sul fatto che il fondatore di Repubblica avesse detto di preferirlo a Luigi Di Maio: Scalfari ha precisato la sua risposta

(ANSA/GIORGIO ONORATI)

Eugenio Scalfari, 93enne fondatore ed ex direttore del quotidiano la Repubblica, oggi ha scritto un editoriale in prima pagina per dire che lui non ha mai votato Berlusconi, né lo voterà mai, contrariamente a quanto circolato negli ultimi giorni. Nell’articolo, intitolato “L’inganno sul mio voto a Berlusconi”, Scalfari scrive:

«Non l’ho mai votato e ovviamente non lo voterò mai»

Sembrerebbe una risposta abbastanza ovvia, considerato che Scalfari non solo è l’ex direttore del quotidiano che più di tutti ha combattuto Berlusconi, ma che i due sono divisi almeno da 30 anni, cioè dai tempi della “Guerra di Segrate”, lo scontro per il controllo della casa editrice Mondadori tra Berlusconi e Carlo De Benedetti, proprietario di Repubblica e amico di Scalfari.

Martedì scorso però, nella puntata di Dimartedì in onda su La7, alla domanda “Chi sceglierebbe tra Di Maio e Berlusconi?”, Scalfari aveva risposto senza esitazione “Berlusconi”, suscitando molti commenti e battute sul fatto che fosse finita un’epoca e su come persino il decano degli antiberlusconiani stesse tornando sui suoi passi. Per questa ragione, continua Scalfari: «Sono stato coperto di insulti dai grillini rappresentati nel Fatto Quotidiano».

Nell’articolo, Scalfari spiega quindi che la sua risposta a Dimartedì significa solo che ritiene il populismo del Movimento 5 Stelle più pericoloso di quello di Silvio Berlusconi, e che a causa della frammentazione del consenso politico bisognerà accettare l’idea di un’alleanza tra il PD e il centrodestra guidato da Silvio Berlusconi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.