• Mondo
  • venerdì 3 novembre 2017

Ci sono accuse di molestie contro Kevin Spacey dal set di “House of Cards”

Sono molte e recenti: vengono da otto persone che hanno lavorato o lavorano ancora alla serie

La CNN ha raccolto nuove accuse contro l’attore Kevin Spacey, dopo che l’attore Anthony Rapp e successivamente altri uomini avevano raccontato che Spacey li aveva importunati o molestati. Ora otto persone che hanno lavorato o lavorano ancora alla serie tv House of Cards, prodotta da Netflix e di cui Spacey è protagonista, hanno detto che il set era un posto «tossico» per i giovani maschi a causa del comportamento di Spacey, che li molestava sessualmente, faceva battute pesanti e cercava di toccarli in modo inappropriato. Tutti sono rimasti anonimi per timore di ripercussioni sul lavoro.

Un ex assistente alla produzione ha raccontato di quando fu molestato sessualmente da Spacey, durante una delle prime registrazioni della serie. Un pomeriggio andò a prenderlo in auto non lontano da Baltimora per accompagnarlo sul set, e Spacey gli mise la mano sui pantaloni: «Ero scioccato. Lui era un uomo con molto potere e io ero molto in basso nella catena alimentare». Una volta arrivati sul set il ragazzo accompagnò Spacey nella sua roulotte, l’attore gli impedì di uscire e iniziò a toccarlo in modo molesto; il ragazzo gli disse di sentirsi a disagio e Spacey «si agitò notevolmente» e se ne andò dal set, dove non tornò per tutto il giorno. L’assistente raccontò l’accaduto a un collega, che ha confermato la storia, e tempo dopo ne parlò con un superiore, che si limitò a non farlo mai restare da solo con Spacey.

Una persona che ha lavorato a House of Cards per tutte le sei stagioni, ha detto che Spacey lo infastidiva e toccava abitualmente: «mi metteva le mani addosso in modi strani. Arrivava da dietro mi massaggiava le spalle, mi toccava la pancia in modi non appropriati per una normale conversazione». Una donna che ha lavorato alla serie tv ha raccontato che Spacey faceva finta di aggredire i ragazzi per poterli toccare: li salutava, stringeva loro la mano e poi la tirava sul suo pene o toccava il loro. Un ex assistente alla regia, che non è mai stato molestato da Spacey, ha aggiunto che faceva così alla luce del sole, e che tutti erano a conoscenza e commentavano il suo comportamento.

Netflix ha detto a CNN di essere a conoscenza solo di un episodio del genere risalente a cinque anni fa, risolto rapidamente. Nel frattempo ha sospeso la produzione della sesta stagione della serie tv e messo in piedi un gruppo di consulenti e legali esperti di molestie sessuali per assistere i dipendenti. Non ci sono ancora notizie ufficiali, ma secondo molti addetti ai lavori queste ultime notizie peggiorano molto la posizione di Spacey – sono fatti recenti e non vecchi trent’anni – e implicano che probabilmente la sesta stagione di House of Cards non sarà mai conclusa.

I giornali britannici scrivono anche che la polizia sta indagando sulle accuse di molestie sessuali fatte da un uomo di 32 anni contro l’attore Kevin Spacey. L’uomo è andato dalla polizia martedì dopo che Spacey era stato accusato di molestie da alcuni uomini, ed è stato interrogato ieri in una centrale di polizia di Londra. Ha raccontato che l’episodio sarebbe avvenuto a Londra nel 2008, quando Spacey era direttore artistico del teatro Old Vic. L’uomo ha raccontato che all’epoca, aveva 23 anni, aveva chiesto un aiuto a Spacey per la sua carriera; avevano bevuto qualcosa insieme ed era finito a casa sua, dove sarebbe svenuto dopo aver fumato marijuana. Quando si risvegliò Spacey gli stava facendo del sesso orale; il ragazzo gli disse di smetterla e se ne andò, mentre Spacey gli intimava di restare in silenzio. Non ci sono conferme da parte della polizia, che non ha fornito le generalità dell’uomo che ha denunciato l’accaduto, né dell’aggressore.

(ANGELA WEISS/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.