Altri uomini hanno accusato Kevin Spacey di molestie sessuali

Circolano altre quattro denunce, non tutte ugualmente solide

L’attore statunitense Kevin Spacey è stato accusato di molestie sessuali da altre persone, dopo l’attore Anthony Rapp. Le nuove accuse arrivano dall’attore messicano Roberto Cavazos, da un uomo britannico rimasto anonimo che ha parlato in un programma di BBC, dal regista statunitense Tony Montana e da un barista che ha parlato con il tabloid britannico Sun. Gli episodi di cui si parla sono molto diversi tra loro, così come è diversa l’affidabilità dei singoli racconti.

Cavazos ha parlato di Spacey in un post su Facebook. Ha raccontato di aver avuto «un paio di incontri poco piacevoli» con Spacey al bar dell’Old Vic, un teatro di Londra di cui Spacey è stato direttore artistico per undici anni, fino al 2015: una di queste volte Spacey avrebbe toccato Cavazos in modo molesto, come sarebbe successo a molte altre persone secondo Cavazos: ha raccontato che Spacey invitava giovani attori all’Old Vic per «parlare delle loro carriere» e poi li accoglieva sul palco del teatro, dove aveva preparato un picnic con lo champagne. La direzione dell’Old Vic ha diffuso un comunicato in cui ha detto di non aver mai ricevuto nessuna lamentela sul comportamento di Spacey negli anni e di essere molto dispiaciuta per ciò che è successo. Ha anche invitato chiunque abbia lavorato con il teatro e abbia subito molestie di cui finora non aveva parlato a scriverne a un indirizzo email apposito.

SPACEY, WEINSTEIN Y EL ACOSO ENDÉMICO DEL QUE NO HABLAMOS EN EL TEATRO MEXICANOHarvey Weinstein. Kevin Spacey. Max…

Posted by Roberto Cavazos on Montag, 30. Oktober 2017

L’uomo britannico che ha parlato in forma anonima con BBC ha detto che Spacey lo ha molestato nel 1985, quando era un adolescente: era stato invitato a dormire nella casa di New York di Spacey e l’attore lo aveva invitato a dormire con lui nel suo letto. L’uomo aveva rifiutato l’invito e si era messo a dormire sul divano; si era poi svegliato trovando Spacey con la testa sulla sua pancia e le braccia avvolte attorno a lui. L’uomo ha detto: «Mi sentii a disagio come minimo, al massimo traumatizzato. Lui era molto stupido o aveva avuto un comportamento da predatore – o forse un po’ entrambe le cose».

Il regista Tony Montana, sul sito di pettegolezzi sulle persone famose Radar, ha accusato Spacey di averlo toccato in modo molesto – «mi mise una mano sull’inguine con la forza e mi afferrò i genitali» – in un bar di Los Angeles nel 2003. Montana ha anche detto che in quell’occasione Spacey sembrava essere non pienamente in sé e che dopo il suo iniziale rifiuto Spacey lo seguì in bagno.

Infine il barista che ha parlato con il tabloid Sun – noto per diffondere notizie non verificate e contenuti scandalistici – ha detto che quando aveva 19 anni avrebbe incontrato Spacey in uno spazio pubblico e l’attore gli avrebbe mostrato i genitali per poi dargli un orologio di valore perché non lo raccontasse a nessuno. Il giorno dopo essere comparso in una fotografia sul Sun con l’orologio, un IWC Schaffhausen Portofino, l’uomo ha venduto l’oggetto per 3.200 sterline (più di 3.600 euro).

(Mike Coppola/Getty Images for Tribeca Film Festival)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.