• Sport
  • martedì 17 ottobre 2017

L’Italia incontrerà la Svezia negli spareggi per i Mondiali

L'andata è prevista per il 10 novembre in Svezia, mentre il ritorno si gioca il 13 a San Siro

FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images

L’Italia giocherà contro la Svezia negli spareggi di Qualificazioni UEFA per i Mondiali di calcio, ha stabilito il sorteggio di Zurigo oggi pomeriggio. Si incontreranno anche Irlanda del Nord e Svizzera, Croazia e Grecia, Danimarca e Irlanda: le sfide prevedono un doppio confronto con una gara d’andata e una di ritorno. La Nazionale italiana giocherà in Svezia il 10 novembre alle 20.45, mentre sarà in casa allo stadio San Siro di Milano il 13 novembre, sempre alle 20.45. Tutte le altre partite saranno tra il 9 e il 14 novembre. Le quattro squadre vincitrici, tra le otto che si giocano gli spareggi, saranno le ultime Nazionali europee ad aggiungersi a quelle già sicure di partecipare nel 2018 ai Mondiali in Russia.

Le partite di andata:

  • Croazia – Grecia (9 novembre)
  • Irlanda del Nord – Svizzera (9 novembre)
  • Svezia – Italia (10 novembre)
  • Danimarca – Irlanda (11 novembre)

Le partite di ritorno:

  • Grecia – Croazia (12 novembre)
  • Svizzera – Irlanda del Nord (12 novembre)
  • Italia – Svezia (13 novembre)
  • Irlanda – Danimarca (14 novembre)

La Svezia è arrivata al secondo posto nel suo girone di qualificazione davanti all’Olanda, che è stata eliminata, e dietro solo alla Francia, già qualificata. Negli spareggi non potrà contare sul suo giocatore più forte e rappresentativo, Zlatan Ibrahimovic, che si è ritirato dalla Nazionale nel 2016 (e che attualmente è infortunato).

L’ultima volta che l’Italia ha incontrato la Svezia è stato in occasione degli Europei del 2016 in Francia: in panchina c’era Antonio Conte, e l’Italia vinse una partita piuttosto noiosa per 1 a 0 con un gol notevole di Eder, alla fine del secondo tempo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.