• Mondo
  • domenica 8 ottobre 2017

Le foto della manifestazione per l’unità della Spagna a Barcellona

Decine di migliaia di persone hanno sfilato sventolando bandiere spagnole, catalane ed europee, chiedendo di “ritrovare il senno”

Bandiere della Spagna, della Catalogna e dell'Unione Europea alla manifestazione per l'unità della Spagna dell'8 ottobre 2017 a Barcellona (Jeff J Mitchell/Getty Images)

Oggi a Barcellona c’è stata una grande manifestazione per l’unità della Spagna, dopo quella che ieri si è tenuta a Madrid. È stata organizzata dall’associazione Societat Civil Catalana, tra le principali ad opporsi all’indipendenza catalana, e che tra le altre cose durante il referendum del primo ottobre ha diffuso su Twitter le fotografie di alcune persone che hanno votato più volte per dimostrare l’irregolarità delle votazioni. Decine di migliaia di persone (centinaia di migliaia, secondo El País) hanno sfilato nel corteo, tra cui Xavier García Albiol, il capo del Partito Popolare in Catalogna, e lo scrittore premio Nobel – peruviano ma naturalizzato spagnolo – Mario Vargas Llosa, noto anche per le sue idee politiche di destra. Lo slogan della manifestazione è stato «Recuperem el seny», che in catalano significa «Ritroviamo il senno».

Lo scopo della manifestazione era rappresentare la cosiddetta «maggioranza silenziosa» di catalani contrari all’indipendenza della Catalogna. Nel suo discorso ai manifestanti Vargas Llosa ha accusato il presidente del governo catalano Carles Puigdemont, il vicepresidente Oriol Junqueras e la presidente del Parlamento catalano Carme Forcadell di essere dei «golpisti» e ha detto che «la congiura indipendentista non distruggerà i 500 anni di storia» dell’unità spagnola, né trasformerà la Spagna in un paese del terzo mondo. Ha tenuto un discorso anche Josep Borrell, che fa parte del Partito Socialista Catalano: questo partito non ha formalmente aderito alla manifestazione, ma diversamente da quanto ha fatto in passato con le iniziative della Societat Civil Catalana ha invitato i suoi elettori a partecipare.

La giornalista del Post Elena Zacchetti ha seguito la manifestazione a Barcellona.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.