• Mondo
  • lunedì 4 settembre 2017

Le immagini della Libia mostrate dal TG1

Cose che non si vedono spesso, tra cui la partenza di un barcone e le condizioni dei centri di detenzione per migranti

Ieri sera alle 23.30 su Rai1 è andato in onda uno speciale del TG1 sulla Libia e i migranti che cercano di raggiungere l’Europa. Lo speciale dura circa 50 minuti, si può vedere qui ed è stato curato da Amedeo Ricucci, un giornalista della RAI molto esperto di Medio Oriente e che in passato si era già occupato di Libia. È un servizio molto interessante per vari motivi, principalmente per il fatto che Ricucci e il suo operatore hanno ripreso scene che non si vedono tutti i giorni in tv: per esempio il momento dell’imbarco di un barcone di migranti dalle coste di Sabratha, la città che da qualche mese è diventato il principale punto di partenza per i barconi.

– Leggi anche: La Guardia costiera libica non esiste

Schermata 2017-09-04 alle 09.25.57 1

Ricucci ha anche intervistato Abd al Rahman Milad, un capo della Guardia costiera locale accusato dall’ONU e da diverse inchieste giornalistiche di essere colluso coi trafficanti e di non rispettare i diritti umani dei migranti. Al Milad – più noto col suo nome di guerra, al Bija – fa parte di una potente famiglia locale che fra le altre cose comanda centinaia di uomini, sfrutta il pozzo di petrolio della città e gestisce il centro di detenzione per migranti. I traffici di al Milad sono molto noti agli analisti e alle organizzazioni internazionali: parlando con Ricucci, lui si è difeso raccontando di non essere corrotto e di voler chiarire la sua posizione anche con l’ONU.

speciale2

Ricucci ha anche visitato alcuni centri di detenzione per migranti sia a Sabratha sia nella periferia di Tripoli (l’unica città controllata direttamente dal governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj, alleato del governo italiano). Le immagini mostrano decine di persone ammassate in stanze molto piccole dove possono a malapena alzarsi in piedi. I centri mostrati nel servizio di Ricucci sono gli stessi di cui parlano da due anni le agenzie ONU che si occupano di rifugiati e immigrazione, che però da sole non possono fare molto per cambiare la situazione (come ammettono gli stessi funzionari intervistati da Ricucci).

speciale3

– Leggi anche: L’Italia ha fatto un accordo coi trafficanti di migranti?

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.