La nuova bandiera della Mauritania, e sullo sfondo tante altre bandiere del mondo
  • Mondo
  • martedì 8 agosto 2017

La Mauritania avrà una nuova bandiera

È stata approvata in un referendum costituzionale in cui è anche stato abolito il Senato, tra le proteste dell'opposizione

La nuova bandiera della Mauritania, e sullo sfondo tante altre bandiere del mondo

Il 5 agosto in Mauritania, un paese dell’Africa nord-occidentale, c’è stato un referendum costituzionale in cui tra le altre cose si è votato per sostituire la vecchia bandiera con una nuova. Il cambiamento non è particolarmente vistoso: alla vecchia bandiera, tutta verde e con il simbolo islamico della luna con la stella al centro, sono state aggiunte due strisce rosse, una in alto e una in basso. Le due strisce simboleggiano il sangue dei mauritani morti per ottenere l’indipendenza dalla Francia, di cui era una colonia fino al 1960. La modifica della bandiera era stata proposta dall’Unione per la Repubblica, il partito politico del presidente Mohamed Ould Abdel Aziz, lo scorso marzo.

mauritania_bandiera

La nuova bandiera è stata votata insieme all’abolizione del Senato, proposta per tagliare la spesa pubblica: il 54 per cento dei cittadini aventi diritto ha partecipato al referendum e l’86 per cento dei votanti si è espresso in favore delle riforme. Ora al posto del Senato ci saranno degli organi consultivi regionali. Con il referendum è stata approvata anche la fusione di tre istituzioni indipendenti – l’Alta Corte di Giustizia, l’Alto Consiglio dell’Islam e il Difensore civico della Repubblica – in un unico organo, il Consiglio Supremo della Fatwa. I partiti di opposizione avevano invitato i cittadini a boicottare il referendum dicendo che il governo avrebbe compiuto dei brogli e che i cambiamenti costituzionali (bandiera a parte) permetteranno ad Abdel Aziz di rafforzare il suo potere e trasformare la Mauritania in uno stato autoritario.

Abdel Aziz è un ex generale dell’esercito mauritano e ha guidato due colpi di stato negli ultimi quindici anni. Sia dopo il primo, nel 2005, che dopo il secondo, nel 2008, Abdel Aziz aveva assunto il potere dichiarando di voler garantire che le successive elezioni democratiche si svolgessero regolarmente. Nel 2009 ha abbandonato la carica e si è candidato alle elezioni presidenziali, vincendole. Abdel Aziz è al suo secondo mandato presidenziale (ciascuno dura cinque anni) e dice che non si candiderà alle prossime elezioni.

Anche solo riguardo alla bandiera ci sono state delle critiche, perché pur sembrando una questione di forma, il cambiamento ha delle ripercussioni economiche, dovute alla sostituzione di tutte le bandiere, reali e disegnate, diffuse nel paese e all’estero.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.