• Italia
  • venerdì 4 agosto 2017

A un ragazzo di Milano è stato negato un lavoro in un albergo di Cervia perché è nero

La Filcams-Cgil di Ravenna, sindacato di categoria che si occupa dei lavoratori del commercio, alberghi, mense e servizi, ha reso pubblico un caso di cui si sta occupando. Lo scorso 18 giugno a un ragazzo di 29 anni di Milano, nato in Brasile, è stato negato un lavoro stagionale in un albergo di Cervia con un sms in cui si diceva: «Mi dispiace Paolo ma non posso mettere ragazzi di colore in sala qui in Romagna la gente è molto indietro con mentalità scusami ma non posso farti venire giù ciao».

Il ragazzo ha ricevuto il messaggio dopo aver inviato via mail la copia della propria carta di identità necessaria a perfezionare il contratto di assunzione per il quale c’era già un accordo. La madre del ragazzo, che si è affidata al sindacato, ha spiegato: «L’unico problema vero, è evidente, è il colore della pelle di mio figlio, che l’albergatore ha visto solo quando lui gli ha mandato la carta d’identità». Filcams-Cgil sta preparando una vertenza per accompagnare in tribunale il ragazzo.

Cervia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.