• Mondo
  • giovedì 13 luglio 2017

La Cina avrà la sua prima base militare permanente all’estero

A Gibuti, nel Corno d'Africa: ed è una notizia molto grossa che sta preoccupando India e Stati Uniti, tra gli altri

Una nave militare cinese salpa dal porto di Zhanjiang diretta verso Gibuti (Xinhua/Wu Dengfeng)(wjq)

Due giorni fa la Cina ha cominciato a trasferire soldati e altro personale nella sua prima base militare permanente all’estero, a Gibuti, un piccolo stato dell’Africa orientale tra Eritrea, Etiopia e Somalia. La tv cinese ha trasmesso le immagini dei marines a bordo di navi militari in partenza dalla città orientale di Zhenjiang, e anche la stampa nazionale – controllata dal Partito comunista – ha dato ampio spazio alla notizia. L’apertura della prima base militare cinese all’estero è uno sviluppo molto importante per capire la politica estera della Cina promossa dal suo presidente, Xi Jinping, e ha implicazioni rilevanti anche per quei paesi che sono preoccupati di un’eccessiva espansione degli interessi cinesi in Asia e in Africa, per esempio l’India.

La Cina ha iniziato la costruzione di un base logistica a Gibuti lo scorso anno, ma ancora non si sa quando diverrà operativa la base militare e quanti soldati verranno impiegati. Il quotidiano cinese Xinhua ha detto che la decisione è stata presa dopo avere raggiunto un accordo con il governo di Gibuti e ha aggiunto che la base sarà usata per rafforzare l’efficacia delle missioni di pace cinesi in Africa, per compiere operazioni di soccorso e per garantire la sicurezza dello stretto di Bab el Mandeb, che collega il Golfo di Aden con il Mar Rosso. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha spiegato che la base servirà anche per «assicurare la protezione dei crescenti interessi cinesi all’estero». Diplomat, un sito specializzato di cose asiatiche, ha scritto che Gibuti sperava da tempo in un maggiore coinvolgimento della Cina nella regione, visto che il governo cinese aveva già investito nel paese circa 15 miliardi di dollari per favorire l’espansione del principale porto e delle infrastrutture collegate.

Diversi analisti sostengono che l’apertura della prima base militare permanente cinese sia solo l’ultimo episodio che mostra la volontà della Cina di interpretare nella maniera più estesa possibile il principio che ha guidato la sua politica estera finora, cioè quello del “non intervento” negli affari interni degli altri paesi. Negli ultimi decenni la Cina si è sempre presentata agli occhi del mondo come una potenza in ascesa, cioè con ambizioni internazionali, ma senza mai dare l’impressione di voler assumere un atteggiamento aggressivo o di volere usare attivamente il suo esercito per guadagnare influenza all’estero. Ha invece sviluppato una strategia che è stata definita del “filo di perle”, cioè una serie di investimenti in infrastrutture – soprattutto commerciali ma anche militari – estese dal territorio cinese fino al Sudan, nell’Africa orientale. L’apertura della base militare a Gibuti è stata vista da alcuni degli stati rivali della Cina, soprattutto l’India, come un’altra delle “perle” di questa strategia, che sta aumentando i timori che il governo cinese sia intenzionato ad avviare una politica estera molto più aggressiva di quella adottata finora.

Negli ultimi mesi anche gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazioni, perché il governo americano ha a Gibuti la sua unica base militare permanente di tutta l’Africa. Peter Dutton, docente di studi strategici al Naval College in Rhode Island (Stati Uniti), ha detto al New York Times che l’apertura della prima base militare cinese all’estero «è un enorme sviluppo strategico»: significa l’espansione del potere navale cinese allo scopo di proteggere le vie commerciali e gli interessi regionali della Cina nel Corno d’Africa, la regione dove si trova Gibuti. L’esercito cinese, comunque, ha cercato di limitare queste preoccupazioni definendo la base di Gibuti una “base logistica e di supporto”, dicendo che servirà per aumentare la capacità della Cina di garantire la pace globale, vista soprattutto la gran quantità di peacekeepers dell’ONU che operano in Africa e visti gli sforzi internazionali per limitare l’attività dei pirati nei pressi dello stretto di Bab el Mandeb. Xinhua ha ribadito il concetto, scrivendo che la Cina non cercherà di espandersi militarmente o di alimentare una corsa agli armamenti. Global Times, un altro giornale cinese, ha scritto che la base sarà certamente usata per ospitare i militari, e non per gestire attività commerciali, ma ha aggiunto che la sua funzione “non è quella di controllare il mondo».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.