• Italia
  • mercoledì 28 giugno 2017

Quando iniziano i saldi estivi

Lo stesso giorno in tutte le regioni, ma finiranno in momenti diversi

(Vincenzo Livieri/LaPresse)

Sabato primo luglio inizieranno in tutta Italia i saldi estivi: è il secondo anno che la data di inizio viene uniformata dalla Conferenza delle Regioni, e questa volta non ci sarà nessuna eccezione. La durata dei saldi però cambierà ancora da regione a regione. Nella maggior parte dei casi termineranno a fine agosto, ma in Lazio e Liguria dureranno solo un mese e mezzo, mentre in Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta le svendite promozionali continueranno fino al 30 settembre. Un caso particolare è quello di Modena, in Emilia Romagna: a causa del grande concerto di Vasco Rossi del primo luglio, che porterà in città oltre 220 mila persone e che comporterà la chiusura della maggior parte dei negozi, il comune ha deciso di anticipare l’inizio dei saldi al 29 giugno.

Le date dei saldi, regione per regione:

Abruzzo: 1 luglio – 30 agosto
Basilicata: 1 luglio – 2 settembre
Calabria: 1 luglio – 1 settembre
Campania: 1 luglio – 30 agosto
Emilia Romagna: 1 luglio – 30 agosto
Friuli Venezia Giulia: 1 luglio – 30 settembre
Lazio: dal 1 luglio per sei settimane (quindi il 12 agosto)
Liguria: 1 luglio – 15 agosto
Lombardia: 1 luglio – 30 agosto
Marche: 1 luglio – 1 settembre
Molise: 1 luglio – 30 agosto
Piemonte: dal 1 luglio per otto settimane non consecutive
Puglia: 1 luglio – 15 settembre
Sardegna: 1 luglio – 30 agosto
Sicilia: 1 luglio – 15 settembre
Trentino Alto Adige: date differenti da comune a comune
Toscana: 1 luglio – 30 agosto
Umbria: 1 luglio – 30 agosto
Valle d’Aosta: 1 luglio – 30 settembre
Veneto: 1 luglio – 31 agosto

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.