Sostenitori del Partito Democratico dei Socialisti (SAVO PRELEVIC/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 25 Giugno 2017

La storia di un ex agente della CIA e di un tentato golpe in Montenegro

È una di quelle con un intreccio da film: ma è molto seria e ora ha cominciato a occuparsene anche il Congresso statunitense

Sostenitori del Partito Democratico dei Socialisti (SAVO PRELEVIC/AFP/Getty Images)

Il Congresso degli Stati Uniti ha aperto un’inchiesta su una storia apparentemente da film che coinvolge un ex agente della CIA, l’agenzia federale americana che si occupa di spionaggio all’estero. Il caso ruota attorno a Joseph Assad, agente particolarmente apprezzato a Washington perché nel 2015 aiutò decine di cristiani iracheni e scappare dai territori appena conquistati dallo Stato Islamico, e ha a che fare con un viaggio in Montenegro, il piccolo stato di 700.000 abitanti a nord dell’Albania.

Lo scorso ottobre Assad andò senza apparente motivo in Montenegro e in quei giorni successero due cose: la prima è che il governo montenegrino annunciò di avere neutralizzato un tentato colpo di stato contro il presidente e il primo ministro, a detta sua organizzato dalla Russia; la seconda è che si tennero le elezioni legislative, vinte dai filo-occidentali del Partito Democratico dei Socialisti, la stessa forza politica che governa il paese dal 2006, anno dell’indipendenza. Il Partito Democratico dei Socialisti è anche la forza politica che più ha spinto per far entrare il Montenegro nella NATO – organizzazione di difesa nata durante la Guerra fredda in funzione anti-sovietica – una mossa particolarmente osteggiata dalla Russia (il Montenegro è entrato ufficialmente nella NATO il 5 giugno).

Dopo avere cominciato a smantellare la rete del tentato colpo di stato, il Montenegro ha aperto un’indagine per capire cosa fosse successo. Finora le autorità hanno accusato formalmente 14 persone, tra cui diversi nazionalisti serbi che si fanno chiamare “I Lupi” e che vorrebbero che il Montenegro fosse guidato da un governo filo-russo, e non filo-occidentale. Tra le persone indagate per spionaggio è finito anche Assad, che secondo l’accusa era l’uomo responsabile della fuga all’estero dei golpisti. In pratica, Assad è stato accusato di essersi messo d’accordo con la Russia – non si sa per quale motivo – per favorire un cambio non-democratico di regime in Montenegro.

Assad è un cristiano egiziano cresciuto in Libano e in Egitto e poi naturalizzato cittadino statunitense. Ha studiato alla Palm Beach Atlantic University in Florida e nel 1999 si è unito alla CIA insieme a sua moglie, nata negli Stati Uniti. I due sono diventati noti nel 2015 dopo avere già lasciato la CIA, quando il programma 20/20 di ABC dedicò un ampio servizio al loro impegno per salvare 149 cristiani iracheni minacciati dallo Stato Islamico.

Secondo l’accusa, Assad avrebbe cominciato a organizzare la sua parte di piano in Florida, dove avrebbe preso contatti con una società che si occupa di sicurezza e che si chiama Patriot Defense Group. Assad avrebbe chiesto di parlare con qualcuno che poteva aiutarlo nelle operazioni di “contro-sorveglianza ed evacuazione” di una forza di opposizione montenegrina. Brian Scott, ex agente della CIA e presidente del Patriot Defense Group, ha confermato al Wall Street Journal che un suo impiegato quel giorno parlò con Assad: la sua richiesta però fu rifiutata, perché non rientrava nella mission della società. Non è chiaro cosa successe dopo. Quello che sappiamo è che il processo che si terrà in Montenegro si baserà sostanzialmente sulla credibilità del testimone chiave del governo, un serbo che sostiene di essere stato assunto dalla Russia per rovesciare il governo montenegrino.

Assad ha negato tutte le accuse. Secondo il suo avvocato, Assad era in Montenegro all’inizio di ottobre perché era andato a trovare un suo amico e collega che stava lavorando nell’ambito delle elezioni: Aron Shaviv, un uomo britannico-israeliano che in passato aveva anche collaborato con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e che in Montenegro era stato assunto dal principale partito di opposizione, il Fronte Democratico, di centrodestra e favorevole a un referendum sulla questione dell’adesione alla NATO. Anche la Russia ha negato qualsiasi coinvolgimento nel tentato colpo di stato. È su tutte queste questioni che stanno indagando sia le autorità montenegrine che il Congresso statunitense, per stabilire cosa abbia fatto e chi abbia incontrato Assad in quei primi giorni di ottobre dello scorso anno.