• Italia
  • sabato 27 maggio 2017

Non è proprio vero che “il Papa ha citato Rovazzi”

In un discorso ai giovani di Genova ha usato delle espressioni che ricordano il ritornello della canzone, ma probabilmente sono un calco linguistico dallo spagnolo

Nelle ultime ore diversi siti di news italiani hanno scritto che in un discorso tenuto oggi a Genova Papa Francesco ha citato una delle più famose canzoni italiane degli ultimi tempi, “Andiamo a comandare” di Fabio Rovazzi. Al Papa viene attribuita la frase «Andiamo a missionare», che però non compare né nella trascrizione ufficiale del discorso, né nel video dell’incontro (tenuto al Santuario della Madonna della Guardia con un gruppo di giovani). Il Papa inoltre non cita mai esplicitamente il nome di Rovazzi o il titolo della canzone. Ciò nonostante, la notizia è stata ripresa dall’ANSA che ha chiesto un commento anche allo stesso Rovazzi, che prendendola per buona ha detto: «non avrei mai potuto immaginare che il papa potesse fare riferimento a una mia canzone».

In realtà sembra che sia stato equivocato un pezzo del discorso in cui il Papa usa spesso il verbo “missionare”, che non esiste in italiano ma sembra un calco dello spagnolo misionar (cioè “fare attività da missionario”). Nei due pezzi del discorso che più si avvicinano all’espressione di Rovazzi, il Papa dice (a proposito dell’idea di “missione” che deve avere un cattolico):

Perché – questa è la domanda – andare a missionare, significa lasciarsi trasformare dal Signore?

[…]

Quando io vado a missionare, non è soltanto la decisione mia, quella che mi fa andare: c’è un altro che mi missiona, che mi invia a missionare. E non si può missionare senza essere missionato da Gesù. È Gesù che ti missiona.

(dal minuto 7.15 e dal minuto 13.40)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.