• Media
  • mercoledì 24 Maggio 2017

Le foto false della sorella dell’attentatore di Manchester

I più importanti giornali italiani hanno pubblicato foto di famose modelle spacciandole per foto di Jomana Abedi

Il 22enne Salman Abedi è stato identificato ieri dalla polizia britannica come l’attentatore suicida che si è fatto esplodere la sera di lunedì al concerto di Ariana Grande a Manchester, uccidendo 22 persone e ferendone 59. I giornali stanno ora cercando di ricostruire la vita di Abedi, consultando fonti nella polizia e parlando con conoscenti della sua famiglia, emigrata nel Regno Unito dalla Libia nel 1994 e stabilitasi a Manchester alcuni anni fa. Molti giornali britannici hanno scritto per esempio che Salman Abedi aveva un fratello – Hashem – e una sorella, Jomana, aggiungendo però pochi altri dettagli su di loro. Sui giornali italiani si trovano maggiori informazioni: solo che sono false, come ha notato Gianluca Neri e poi altri utenti di internet.

Il Corriere della Sera, in particolare, in un articolo intitolato “Attentato di Manchester: spunta in Rete Jomana, la sorella minore del kamikaze“, ha scritto che Jomana avrebbe due profili social in cui “inneggia ad Allah, spiega la necessità di indossare il velo islamico, ma posta anche scatti con borse e vestiti firmati”. L’articolo, in una prima versione, era accompagnato da alcune foto indicate come di Jomana, che invece sono foto di almeno due famose modelle e youtuber, Maya Ahmad e Janice Joostema (mercoledì mattina intorno alle 8.30 le foto sono state rimosse dall’articolo online).

Uno screenshot della pagina del Corriere.it con le foto.

corriere copy

Due delle foto usate dal Corriere della Sera sono queste.

Today running errands, now time to pack for a trip to LA. ☕️ Taken by @lord.lynch

A post shared by JANICE JOOSTEMA (@janicejoostemaa) on

Alcune di queste foto, ha ricostruito Nextquotidiano, sono state usate anche da Libero e sulle edizioni cartacee di altri giornali italiani di mercoledì: anche dalla Stampa e da Repubblica, evidentemente senza alcuna verifica.

Cercando su Facebook “Jomana Abedi” si trovano in effetti due diversi profili. Al momento entrambi sono stati chiusi, ma l’immagine profilo di uno dei due è una foto usata da Corriere.it. È possibile che precedentemente l’account contenesse altre foto, tra cui quelle usate dai giornali italiani, che erano state prese da popolari account Instagram da chi gestiva quei profili: la mancata verifica dell’origine delle fotografie e la loro errata attribuzione a Jomana Abedi potrebbe essere stata la causa dell’errore dei giornali. Dopo aver rimosso le foto dal suo articolo online il Corriere della Sera ha aggiunto una nota in testa:

corriere

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali