• Mondo
  • martedì 23 maggio 2017

Cosa sappiamo dell’attentato a Manchester, in breve

Cosa è successo lunedì sera durante il concerto di Ariana Grande e a che punto sono le indagini della polizia, messo in ordine

La veglia ad Albert Square a Manchester (BEN STANSALL/AFP/Getty Images)

Lunedì sera poco dopo le 22.30 (le 23.30 in Italia) c’è stata un’esplosione alla Manchester Arena, a Manchester, Regno Unito: era da pochi minuti finito il concerto della cantante statunitense Ariana Grande e il pubblico – per la maggior parte composto da adolescenti – stava iniziando a lasciare il palazzetto. L’esplosione ha ucciso 22 persone (tra cui bambini), ferendone altre 59: la polizia di Manchester ha detto che è stato un attentato suicida e che l’attentatore è morto nell’esplosione, causata da un ordigno rudimentale. La polizia ha poi identificato l’attentatore: Salman Abedi, 22 anni, cittadino britannico figlio di immigrati libici. Abedi era già conosciuto dalle forze di sicurezza britanniche ma su di lui non era in corso alcuna indagine, perché era considerato solo una figura periferica dell’estremismo islamista. Martedì a metà giornata l’attentato è stato rivendicato dallo Stato Islamico, con un comunicato diffuso dai canali ufficiali dell’organizzazione, che però ha detto che l’esplosione è avvenuta per una bomba azionata a distanza.

Dalle informazioni disponibili finora, sembra che l’attentato non sia stato compiuto da un uomo solo. Martedì sera la prima ministra britannica Theresa May ha annunciato che il livello di allerta terrorismo nel Regno Unito è stato alzato da “severe” a “critical”, che indica il pericolo di un attentato imminente. La stessa May ha detto che le indagini sembrano confermare una più ampia rete terroristica attorno ad Abedi.

– Leggi anche: chi era Salman Abedi

Diversi video girati ieri sera mostrano il pubblico uscire disordinatamente dal palazzetto dopo le esplosioni. Il fatto che nel pubblico ci fossero così tanti bambini e adolescenti ha creato diversi problemi nei soccorsi: per esempio è stato complicato gestire i molti minori non accompagnati, feriti e non. Il concerto di Ariana Grande era tutto esaurito e nell’Arena c’erano circa 21.000 persone.

La polizia è intervenuta poco dopo le 22.30 ora locale, avendo ricevuto decine di segnalazioni da parte di persone che si trovavano al concerto. Sul posto sono arrivate decine di mezzi di soccorso e tutta l’area dell’Arena, che comprende anche la stazione dei treni di Victoria. Gli artificieri hanno esaminato la zona e fatto esplodere in modo controllato un oggetto sospetto, che si è però rivelato innocuo.

La Manchester Arena è un palazzetto per concerti ed eventi sportivi che si trova poco fuori dal centro di Manchester, accanto alla stazione di Victoria: i treni sono stati sospesi. Diverse persone hanno raccontato di aver ottenuto dei passaggi dai taxi che si trovavano fuori dal palazzetto, molte altre persone hanno raccontato di aver fatto molta fatica a lasciare la zona del concerto. L’Arena ha 20mila posti e il concerto aveva fatto il tutto esaurito. Un portavoce di Ariana Grande, cantante americana di discreta popolarità, ha detto che sta bene; la stessa Grande in nottata ha scritto su Twitter di essere «distrutta».