(Valerio Pennicino/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 9 maggio 2017

L’Inter ha esonerato Stefano Pioli

Era l'allenatore dallo scorso novembre, ma le ultime partite di campionato sono andate male e al momento la squadra è fuori dall'Europa League

(Valerio Pennicino/Getty Images)

L’Inter ha esonerato martedì sera Stefano Pioli, che dallo scorso novembre era l’allenatore della squadra. A prendere il posto di Pioli sarà Stefano Vecchi, attuale allenatore della Primavera. Nelle ultime sette partite di Serie A, l’Inter di Pioli non ha mai vinto, pareggiando due volte contro il Milan (subendo gol all’ultimo minuto) e contro il Torino e perdendo contro Genoa, Napoli, Fiorentina, Crotone e Sampdoria. Attualmente è settimo in classifica, con 56 punti, tre in meno del Milan (sesto) e nove in meno dell’Atalanta (quinta): in questo momento è fuori dall’Europa League, che era il principale obiettivo a inizio stagione. Mancano tre partite alla fine del campionato, e l’Inter potrebbe ancora arrivare sesta e ottenere l’accesso ai playoff dell’Europa League.

Pioli era diventato l’allenatore dell’Inter in sostituzione dell’olandese Frank De Boer, che a sua volta aveva preso il posto di Roberto Mancini poco prima dell’inizio del campionato. L’Inter di De Boer aveva iniziato il campionato sotto le aspettative, ed era stato esonerato (secondo molti commentatori con un’eccessiva fretta). Pioli, che nelle due precedenti stagioni aveva allenato la Lazio con buoni risultati, aveva iniziato bene, riuscendo a dare alla squadra un buon gioco e ottenendo risultati soddisfacenti. Intorno alla metà di marzo le cose sono cambiate, e la squadra si è allontanata dalle prime perdendo contro squadre sulla carta molto più deboli, come Sampdoria, Crotone e Genoa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.