(Michele Tantussi/Getty Images)
  • Moda
  • mercoledì 26 aprile 2017

LVMH compra tutto Christian Dior

Il più grande gruppo industriale del lusso al mondo controllerà per intero una delle aziende di moda più importanti: a beneficiarne è soprattutto una famiglia

(Michele Tantussi/Getty Images)

LVMH, il più grande gruppo industriale del lusso al mondo, ha annunciato l’acquisizione completa del marchio di moda Christian Dior con un accordo da 13 miliardi di dollari, circa 12 miliardi di euro, che avverrà in due fasi distinte. Nella prima il gruppo Arnault, il principale azionista di LVMH, acquisterà il 26 per cento delle azioni di Dior, cioè la percentuale sul mercato dell’azienda che ancora non possiede; in un secondo momento LVMH acquisterà per 6,5 miliardi di dollari, quasi sei miliardi di euro, Christian Dior Couture, cioè la sezione di moda che ancora non possiede di Christian Dior, di cui controlla invece Parfums Christian Dior, la parte di cosmesi e profumi. L’accordo era atteso e si concluderà probabilmente alla fine dell’anno.

L’acquisizione è importante perché riunisce l’azienda e ne semplifica la gestione, e allo stesso tempo rafforza il controllo della famiglia Arnaut in LVMH, le cui azioni passano così dal 36 al 46 per cento. Christian Dior era già di proprietà della famiglia Arnaut dal 1981, quando era in bancarotta e venne acquistata simbolicamente per un franco da Bernard Arnaut, ora e direttore esecutivo di LVMH. Negli ultimi cinque anni le entrate dell’azienda, fondata a Parigi nel 1964, sono raddoppiate: da marzo 2016 a marzo 2017 ha registrato ricavi superiori ai due miliardi di dollari (1,8 miliardi di euro) e profitti per 270 milioni di dollari (quasi 250 milioni di euro). Da giugno il direttore creativo è l’italiana Maria Grazia Chiuri, arrivata da Valentino per sostituire il belga Raf Simons. Tra le altre aziende controllate da LVMH ci sono Louis Vuitton, Moët & Chandon, Fendi, Céline, Givenchy, Loro Piana, Kenzo, Bulgari e Sephora.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.