(ANSA / CIRO FUSCO)

Michele Emiliano dice che bisogna «rendere giustizia» a Bettino Craxi

Parlando al figlio Bobo, il candidato alla segreteria del PD ha detto che la politica italiana deve elaborare il “senso di colpa” verso l'ex leader socialista

(ANSA / CIRO FUSCO)

Durante una manifestazione organizzata a Bari per la campagna elettorale per le primarie del Partito Democratico, il candidato alla segreteria del partito Michele Emiliano ha detto che la politica italiana dovrebbe ripensare la propria posizione nei confronti dell’ex presidente del Consiglio Bettino Craxi, del Partito Socialista, che all’inizio degli anni Novanta fu coinvolto insieme a molti compagni di partito nello scandalo conosciuto come Mani Pulite. Emiliano ha parlato di Craxi per via della presenza alla manifestazione di suo figlio Bobo Craxi – anche lui del PSI – e secondo quanto riporta Repubblica ha detto:

La presenza di Bobo Craxi è molto importante, anche dal punto di vista personale e umano, perché mi acquieta e mi fa passare quel senso di colpa che, secondo me, la politica italiana dovrà in qualche maniera elaborare nei prossimi anni per rendere giustizia a una figura come quella di Bettino Craxi, e a un soggetto politico come il Partito socialista italiano che si sforzò, in maniera formidabile, per modernizzare questo paese.

Alle primarie del PD Bobo Craxi sostiene Emiliano, che ha continuato dicendo che il partito socialista ha lasciato «semi che stanno ancora germogliando e che dobbiamo difendere: molti di noi, qui hanno votato no al referendum costituzionale proprio per difendere questi semi lasciati sotto il terreno e che mi auguro possano germogliare in fretta».