Dei lavori nei pressi della recinzione al confine tra Stati Uniti e Messico, alle Imperial Sand Dunes di Dunes, in California (Jim Watson/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 3 Aprile 2017

Le imprese ispaniche che vogliono costruire il muro di Trump

Il Washington Post ha parlato con alcune delle società che si sono candidate alla costruzione, tra minacce di morte, scrupoli di coscienza e la convinzione che «il lavoro è lavoro»

di Tracy Jan - Washington Post
Dei lavori nei pressi della recinzione al confine tra Stati Uniti e Messico, alle Imperial Sand Dunes di Dunes, in California (Jim Watson/AFP/Getty Images)

Hanno ricevuto minacce di morte e insulti, hanno lanciato loro dei sassi e un trattore di una delle aziende è stato rubato. Per le poche società edili ispaniche che hanno avuto il coraggio di candidarsi alla costruzione di una parte del muro del presidente americano Trump tra Stati Uniti e Messico, questo è il prezzo da pagare per fare affari. I proprietari di queste aziende hanno raccontato di essere stati accusati di aver tradito la loro comunità. Alcuni di loro dicono di aver dovuto mettere da parte gli scrupoli per le controverse politiche sull’immigrazione di Trump.

«Molte persone dicono: “Siete latinoamericani. Come potete costruire un muro per tenere fuori altri latinoamericani?” Abbiamo dovuto farci un grande esame di coscienza prima di imbarcarci in tutto questo, perché ovviamente è un argomento molto, molto controverso», ha detto Michael Evangelista-Ysasaga, CEO e proprietario di Penna Group, una ditta che ha sede a Fort Worth, in Texas. Questa settimana Evangelista-Ysasaga, i cui nonni emigrarono negli Stati Uniti dal Mesico, ha ricevuto cinque minacce di morte in una sola mattinata, arrivate da «persone a caso che chiamano in ufficio e sbraitano e basta». Ogni nazione sovrana ha il dovere di difendere i propri confini, ha detto a queste persone. Purtroppo, ha raccontato Evangelista-Ysasaga, «un certo segmento di latinoamericani ha bollato le persone che sostengono il muro al confine come “razziste”».

Il progetto del muro al confine ha generato reazioni talmente accese che solo una minuscola parte del quasi mezzo milione di imprese edili di proprietà ispanica sta anche solo prendendo in considerazione di cercare di ottenere guadagni con il muro di Trump. Delle circa 200 aziende che hanno risposto alle due gare d’appalto per la costruzione di un muro di calcestruzzo al confine tra Stati Uniti e Messico e un altro progetto per un muro, almeno 32 hanno proprietari ispanici, secondo una ricerca condotta dal Washington Post su un database federale. La scadenza per la partecipazione è stata estesa al 4 aprile.

Intervistati dal Washington Post, i dirigenti delle imprese edili hanno detto di aver soppesato i dubbi riguardo alla costruzione del muro al confine e i benefici relativi alla creazione di posti di lavoro, l’espansione delle loro imprese, il miglioramento dell’economia locale e la capacità di avere un’influenza sulla costruzione di un muro più sicuro e umano. «Quando prendo delle decisioni cerco di essere politicamente neutrale», ha detto Al Anderson, direttore generale di KWR Construction, un’impresa edile di proprietà ispanica che ha sede a Sierra Vista, in Arizona, e ha contribuito a costruire le recinzioni al confine, insieme a strade e impianti di illuminazione relativi al progetto. «Volevamo ottenere tutti i lavori possibili qui al confine e mettere da parte le nostre convinzioni personali per poter mantenere i nostri dipendenti».

Le opere per la sicurezza al confine meridionale degli Stati Uniti sono sempre state un argomento controverso, ha detto Anderson, che ha raccontato episodi di molestie ai suoi dipendenti da parte di messicani, come insulti in spagnolo e lanci di pietre attraverso una parte di recinzione durante l’installazione di impianti di illuminazione. Al lavoro uno dei suoi dipendenti indossava ogni giorno un giubbotto anti-proiettili. «Era un ambiente difficile e prevedo che ora diventi più teso di quanto sia mai stato nella storia dei lavori al confine», ha detto Anderson, «non sono solo i messicani a essere furiosi con gli Stati Uniti, anche negli Stati Uniti le persone sono furiose». Anderson ha detto che se la sua impresa fosse selezionata si aspetta che alcuni dei suoi dipendenti si licenzieranno piuttosto che costruire il muro. «Abbiamo dipendenti che sono obiettori di coscienza proprio su questo progetto», ha raccontato, «vivono in comunità piccole e non vogliono ricevere minacce telefoniche nel mezzo della notte».

Ci sono poi anche dei rischi economici. Alcune amministrazioni locali e statali stanno prendendo in considerazione di boicottare le aziende coinvolte nella costruzione del muro alto nove metri, che il governo ha specificato dovrà essere «di un colore esteticamente piacevole», perlomeno dal lato statunitense. «Vogliamo fare qualsiasi cosa in nostro potere per rallentare o fermare il programma di Trump, in particolar modo il muro al confine che verrà costruito su odio e paura», ha detto Lorena Gonzalez Fletcher, un membro del Partito Democratico che fa parte del Parlamento della California e rappresenta la circoscrizione più meridionale della stato, che comprende San Ysidro, un distretto vicino al confine con il Messico. La settimana scorsa Fletcher ha presentato un disegno di legge che richiede che i fondi per il pensionamento dei dipendenti pubblici vengano tolti alle imprese che lavorano al muro. Secondo Patrick Balcazar, proprietario di un’azienda che ha sede a Portorico, i miliardi di dollari che sarebbero spesi per il muro al confine – e che il Congresso statunitense deve ancora approvare – dovrebbero essere destinati ad altre priorità. Il dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti ha calcolato che il muro costerebbe 21,6 miliardi di dollari (20,22 miliardi di euro), circa il doppio rispetto alle cifre citate dal comitato elettorale di Trump. Portorico, però, sta attraversando una profonda crisi economica, e il suo settore edile è in depressione. «Il lavoro è lavoro», ha detto Balcazar, «non apprezzo particolarmente come si veste Lady Gaga, ma se fossi un sarto e lei volesse che le facessi un vestito, le farei un vestito e le direi che le sta bene».

Balcazar prevede che ci saranno ulteriori resistenze alla decisione della sua impresa, San Diego Project Management PSC, di presentare una proposta per il progetto del muro, aggiungendo però che «la maggior parte dei miei dipendenti la riconoscono per quella che è». Mario Burgos, presidente e CEO dell’impresa Burgos Group di Albuquerque, in New Mexico, ha detto che i lavori per la costruzione del muro potrebbero anche contribuire a stimolare l’economia dello stato. A febbraio il tasso di disoccupazione in New Mexico era del 6,8 per cento, il più alto negli Stati Uniti. «I dipendenti sono felici di sapere che c’è una possibilità di lavorare, che siano ispanici o meno», ha detto Burgos.

A El Paso, una città di confine in Texas dove una recinzione separa gli Stati Uniti dal Messico, Julian Carrizal ha detto che il muro limiterebbe quella che secondo alcuni nel settore è una concorrenza sleale. «Quando arrivano persone che non hanno un’assicurazione per la responsabilità civile o indennizzi contro gli infortuni possono lavorare praticamente gratis», ha detto Carrizal, presidente di J Carrizal General Construction. «Questo danneggia la nostra capacità di competere», ha aggiunto (dopo la pubblicazione di una versione iniziale di quest’articolo sul sito del Washington Post, Carrizal ha chiarito attraverso il suo avvocato che non sostiene personalmente la costruzione del muro, ma riconosce le opportunità economiche che offre il progetto).

Evangelista-Ysasaga ha raccontato che i dirigenti della sua azienda sono stati spinti a candidarsi dopo aver sentito che alcune aziende stavano prendendo in considerazione progetti di un muro elettrificato. «Ci sono state resistenze, ma alla fine abbiamo tutti deciso che il rischio era troppo alto per starcene in disparte», ha detto Evangelista-Ysasaga, «preferiremmo essere una parte produttiva della soluzione e proporre un’opzione più umana per mettere in sicurezza il nostro confine». Evangelista-Ysasaga ha raccontato che la sua azienda ha passato gli ultimi quattro anni sul campo per lavorare a una strada al confine e raccogliere dati per capire quale tipo di muro sarebbe il più efficace. «Abbiamo scelto un progetto molto delicato a cui partecipare, ma in fin dei conti la nostra speranza è che una volta messo in sicurezza il confine potremmo finalmente approvare un’approfondita riforma sull’immigrazione», ha detto Evangelista-Ysasaga.

© 2017 – Washington Post