Il festival di Glastonbury nel 2014. (Matt Cardy/Getty Images)

I festival di musica europei di quest’estate

Dalla Svizzera all'Islanda alla Serbia, fino a quelli storici e più battuti: dove ascoltare dal vivo i nomi grossi del pop, del rock, dell'hip hop e dell'elettronica

Il festival di Glastonbury nel 2014. (Matt Cardy/Getty Images)

Ieri il festival di Glastonbury ha annunciato la lineup per l’edizione di quest’anno, durante la quale suoneranno i Radiohead, i Foo Fighters, Ed Sheeran, Katy Perry, gli XX e un sacco di altra gente famosa. Per andare al Glastonbury bisogna prepararsi a pagare un biglietto molto costoso e soprattutto pensarci a ottobre, quando sono messi in vendita. È un’esperienza consigliatissima da chi ci è stato, ma probabilmente non pratica per tutti. Ogni estate però in Europa ci sono molti festival in cui sentire in pochi giorni alcuni dei più importanti artisti pop, rock e hip hop del mondo: ce ne sono praticamente in ogni capitale europea (in Italia no), e può essere un ottimo modo per vedere un posto nuovo e ascoltarsi un paio di giorni di concerti potenzialmente molto belli. Abbiamo raccolto alcuni di questi festival, scelti tra quelli che ospitano musica di tutti i tipi (e quindi non quelli esclusivamente di elettronica, che sono comunque tanti e molto frequentati) e in cui passano i nomi grossi dell’industria discografica mondiale.

Vi accorgerete che molti artisti – soprattutto quelli americani – compaiono nelle lineup di diversi festival. E se guardate i cartelloni completi vi accorgerete che da un certo punto in poi smettete di riconoscere i nomi: perché gli artisti che si esibiscono sono quasi sempre decine, e spesso una cosa bella dei festival di questo tipo è lasciare il palco principale e perdersi tra quelli più piccoli, per scoprire musica nuova. Se decidete di andarci, in ogni caso, ricordate di prepararvi su quello che non bisogna fare ai concerti (o che si può fare, ma poco). E se invece non potete, ce ne sono tre che potrete guardare in streaming sul sito di Red Bull TV (il Primavera, il Lollapalooza e il Roskilde).

Primavera Sound
Dove: Barcellona (Spagna)
Quando: 31 maggio – 4 giugno
Biglietti: 80 € per un giorno, 195 € per tutto il festival

Il primo importante festival della stagione estiva è anche il più famoso d’Europa, insieme al Glastonbury. Si tiene dal 2001, e dal 2005 è al Parc del Fòrum, poco a nord del centro della città. Il weekend successivo c’è un’edizione a Porto, in Portogallo, con una lineup simile ma solitamente con qualche nome grosso in meno. È un festival storico e particolare, perché a differenza della maggior parte degli eventi di questo tipo non prevede una zona per campeggiare: bisogna trovarsi un posto per dormire in città (o un campeggio fuori città, se proprio ci tenete alla tenda). Questo fa sì che il festival sia molto integrato con Barcellona, dove ci sono un sacco di eventi e concerti paralleli. I biglietti per tutti i giorni del festival sono finiti, ne sono rimasti solo per giovedì e venerdì. Il sito ufficiale del Primavera però consiglia di provare su Redtkt, dove li vende la gente che non può andarci. Quest’anno ci sono, tra gli altri: gli Arcade Fire, Frank Ocean, i Bon Iver, Aphex Twin, gli XX, Van Morrison, Grace Jones, Solange, Skepta, gli Slayer, i Run the Jewels, Mac DeMarco, Flying Lotus, Miguel, Sampha, Angel Olsen, i Teenage Fanclub, i Japandroids.

Nos Primavera Sound
Dove: Porto (Portogallo)
Quando: 8-10 giugno
Biglietti: 55 € per un giorno, 110 € per tutto il festival

È l’edizione un po’ minore del Primavera, ma comunque con una gran lineup e in un posto molto bello. Si tiene dal 2012, nel Parque da Cidade, a nord ovest del centro: come per quello di Barcellona non c’è uno spazio interno all’area del festival per campeggiare. I biglietti ci sono ancora, sia quelli per i singoli giorni che quelli per l’intero festival, che sono anche più economici della media dei concerti simili. Rispetto al Primavera di Barcellona, la lineup di quest’anno è un po’ più forte sulla musica elettronica, meno sul rock: ci sono i Justice, i Bon Iver, Aphex Twin, i Run the Jewels, Nicolas Jaar, Flying Lotus, Skepta, i Teenage Fanclub, Angel Olsen, Richie Hawtin, Miguel, i Metronomy, Sampha, i Japandroids.

Sonar
Dove: Barcellona (Spagna)
Quando: 15-17 giugno
Biglietti: 72 € per una sera, 180 € per tutto il festival

Il Sonar è uno dei più importanti festival di musica elettronica in Europa, che si svolge dal 1994. Ma rispetto ad altri festival della stessa categoria, come il Tomorrowland in Belgio, la musica suonata è un po’ più varia. C’è una parte diurna organizzata vicino alla Rambla, in centro, che finisce alle dieci di sera: poi tutto si sposta all’Hospitalet de Llobregat, a sud ovest del centro. Attira decine di migliaia di persone, ci sono un sacco di altri eventi collegati e non solo musicali. Ci sono tantissimi concerti, i nomi più grossi di quest’anno sono Nicolas Jaar, i Justice, i Moderat, Eric Prydz, i De La Soul, Nina Kraviz, i Calms Casino, Cashmere Cat e Damian Lazarus.

Secret Solstice
Dove: Reykjavik (Islanda)
Quando: 16-18 giugno
Biglietti: 185 € per tutto il festival

Diciamo che andare in Islanda apposta per un festival può essere scomodo, ma può essere un gran modo di iniziare o finire una vacanza in un posto incredibile, secondo quel vostro amico che ci è stato. La particolarità del Secret Solstice è che si svolge in un periodo (il solstizio d’estate) in cui il sole praticamente non tramonta mai. Ci sono sempre degli eventi collegati piuttosto insoliti: quest’anno una festa dentro a un ghiacciaio (ma ci sono solo 100 biglietti per turno, a 410 € l’uno), e una festa in barca nel mare islandese (a 122 €). Nella lineup di quest’anno, per quanto riguarda il vero festival, ci sono i Foo Fighters, i Prodigy, Rick Ross, Big Sean, Anderson .Paak, gli Unknow Mortal Orchestra, Young M.A, i Rhye, Chaka Chan, Richard Ashcroft e molti altri.

Glastonbury Festival
Dove: Pilton (Inghilterra)
Quando: 21-25 giugno
Biglietti: 280 € per tutto il festival

Quello di Glastonbury è il festival più famoso d’Europa: cominciamo dicendo che i biglietti sono finiti in pochissimo tempo a ottobre, quando sono stati messi in vendita senza che nemmeno si sapesse la lineup. Se ne trovano dai bagarini, ma costano diverse centinaia di euro. Per il resto: è il posto dove solitamente passano tutti i grandi nomi del rock, del pop, dell’hip hop e della musica elettronica che prevedono di fare delle date estive in Europa. Ci sono passati praticamente tutti, da quando fu fatta la prima edizione nel 1970: da David Bowie a Kanye West. È famoso tra le altre cose per le celebrità che ci vanno, per il moltissimo fango, e per le celebrità che poi camminano nel fango. Quest’anno ci sono: i Radiohead, i Foo Fighters, Ed Sheeran, Katy Perry, gli XX, i National, Solange, Lorde, i Run the Jewels, i Justice, Stormzy, gli Chic, i Major Lazer, gli Alt-J, Lorde, i Biffy Clyro, Anderson .Paak, Father John Misty, i Flaming Lips, i Goldfrapp, Thundercat, i Future Islands, Angel Olsen, e un sacco di altra gente famosa.

Rosklide
Dove: Roskilde (Danimarca)
Quando: 5-9 luglio
Biglietti: 133 € per un giorno, 268 € per tutto il festival

È uno dei festival di musica più importanti del Nord Europa, e si tiene dal 1971 sull’isola di Selandia, in Danimarca. In origine era un evento hippie, poi è cambiato nel tempo e ora c’è la musica che c’è nella maggior parte degli altri festival. C’è un enorme campeggio, e dal 1999 c’è anche una corsa speciale che mette in palio i biglietti per l’anno successivo. Speciale nel senso che bisogna correre nudi. È uno dei festival con i nomi più grossi, quest’anno (ed è anche tra i più costosi, infatti): ci sono tra gli altri i Foo Fighters, gli Arcade Fire, gli A Tribe Called Quest, the Weeknd, i Justice, i Moderat, Solange, Trentemøller, i Blink 182, Bonobo, Father John Misty, Gucci Mane, i Lumineers, Angel Olsen.

Exit
Dove: Novi Sad (Serbia)
Quando: 5-9 luglio
Biglietti: 34 € per un giorno, 138 € per tutto il festival

Il festival Exit esiste dal 2000 e si svolge nella fortezza di Petrovaradin, a Novi Sad, un centinaio di chilometri a nord di Belgrado. È nato come evento di un movimento giovanile che chiedeva la democrazia nel paese, ed è stato citato per anni tra i migliori festival europei tra quelli un po’ meno conosciuti, fino a diventare uno dei più famosi. Quest’anno ci sono tra gli altri i Killers, Liam Gallagher, Paul Kalkbrenner, Duke Dumont, Robin Shulz, Hardwell, Alan Walker, i Lost Frequencies e gli Years & Years. 

Colours of Ostrava
Dove: Ostrava (Repubblica Ceca)
Quando: 19-22 luglio
Biglietti: 96€ per tutto il festival

Ostrava è una città mineraria, la terza più grande della Repubblica Ceca, nell’est del paese. Il festival si tiene dal 2002, ed è uno dei più importanti dell’Europa centrale. I concerti sono nel quartiere Vítkovice, su 16 palchi di cui quattro all’aperto. Quest’anno ci suonano tra gli altri gli Imagine Dragons, Jamiroquai, Norah Jones, gli Alt-J, i Justice, i Moderat, Birdy, Benjamin Clementine, LP, i Midnight Oil, Michael Kiwanuka.

Lollapalooza
Dove: Parigi (Francia)
Quando: 22-23 luglio
Biglietti: 79€ per un giorno,149 € per i due giorni del festival

Il Lollapalooza è uno dei festival più importanti del mondo, inventato da Perry Farrell dei Jane’s Addiction negli anni Novanta: ora si svolge tradizionalmente a Chicago, ma da un po’ di anni ha delle edizioni sparse per il mondo. È la prima volta per Parigi, quindi non si sa bene come sarà: si sa però che suoneranno i Red Hot Chili Peppers, Lana Del Rey, the Weeknd, gli Imagine Dragons, DJ Snake, i Pixies, gli Alt-J, i London Grammar, i Roots, gli Hives, LP, Martin Solveig, Skepta, gli Editors, Liam Gallagher. 

A Summer’s Tale
Dove: Luhmühlen (Germania)
Quando: 2-5 agosto
Biglietti: 74€ per un giorno,139 € per tutto il festival

È un festival più rilassato degli altri di questa lista, che si svolge da pochi anni vicino ad Amburgo. C’è la possibilità di campeggiare sul posto e ci sono formule ridotte per le famiglie con bambini. Quest’anno ci sono i Pixies, PJ Harvey, i Franz Ferdinand, Feist, Birdy, Conor Oberst, gli Stereo MCs, i Cigarette After Sex, Dan Croll. Tutta gente che fa musica tranquilla, appunto.


Øya
Dove: Oslo (Norvegia)
Quando: 8-12 agosto
Biglietti: 100 € per un giorno, 292 € per tutto il festival

Si tiene al Tøyenparken, ed è uno dei pochi festival europei dove passano anche molti nomi grossi dell’hip hop (Kanye West, gli Outkast e Kendrick Lamar negli ultimi anni, per esempio). Il giorno prima della prima sera di concerti ci sono degli eventi in quasi tutti i locali della città. Anche quest’anno il programma è di alto livello: ci sono Chance the Rapper, Lana Del Rey, Danny Brown, gli XX, Ryan Adams, i Pixies, gli Shins, Young Thug, Sampha, Mac DeMarco, Angel Olsen, Vince Staples, e un sacco di artisti scandinavi che probabilmente non conoscete.

Flow
Dove: Helsinki (Finlandia)
Quando: 11-13 agosto
Biglietti: 99 € per un giorno, 185 € per tutto il festival

Il Flow Festival è arrivato alla sua quattordicesima edizione, e da qualche tempo si tiene nella centrale elettrica in disuso di Suvilahti, a nord est del centro. All’inizio era soprattutto un festival di jazz e soul, ma ora ci sono concerti di tutti i tipi, accompagnati da eventi di cinema, arti visuali e design. Quest’anno ci suonano Frank Ocean, Lana Del Rey, gli XX, Aphex Twin, Flume, Ryan Adams, i Moderat, i Goldfrapp, i London Grammar, Young Thug, Vince Staples, i Car Seat Headrest, gli Afghan Wings e Angel Olsen, tra gli altri.

Zürich Open Air
Dove: Zurigo (Svizzera)
Quando: 23-26 agosto
Biglietti: 90 € per un giorno, 200 € per tutto il festival

È un festival che esiste dal 2010, e si tiene in una zona a nord di Zurigo, tra le città di Rümlang e Opfikon. C’è la possibilità di campeggiare, e dato che non è un festival storico è un po’ meno battuto degli altri. E può essere comodo per chi vive nel Nord Italia. Quest’anno ci suonano i Mumford and Sons, i Major Lazer, Kygo, i Prodigy, Flume, Mac DeMarco, i Kooks, gli Interpol, i Moderat, Birdy, Parov Stelar e i London Grammar.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.