(AP Photo/Michel Euler)
  • Mondo
  • martedì 28 marzo 2017

Le proteste dei cinesi a Parigi

Decine di manifestanti chiedono spiegazioni alla polizia – anche in modo violento – per l'uccisione di un uomo di 56 anni davanti alla sua famiglia

(AP Photo/Michel Euler)

Lunedì sera ci sono state delle violente proteste davanti a un commissariato di polizia del 19esimo arrondisement di Parigi, nella zona nord est della città. Tra le 150 e le 200 persone, appartenenti soprattutto alla comunità cinese, hanno tirato oggetti contro la centrale e hanno dato fuoco a quattro auto, tra cui una della polizia: si erano ritrovate per protestare per la morte di Shaoyo Liu, un uomo cinese di 56 anni ucciso in casa sua domenica sera da un agente di polizia. 35 persone sono state arrestate lunedì sera, e tre agenti di polizia sono rimasti lievemente feriti.

Ci sono due versioni sulla morte di Liu, quella data dalla polizia e quella data dalla sua famiglia. La prima sostiene che la pattuglia si è presentata a casa di Liu in risposta a una segnalazione per una lite famigliare fatta da un vicino, e che l’uomo abbia minacciato un poliziotto con un’arma da taglio: un altro agente a quel punto gli avrebbe sparato per proteggere il suo collega. Ma le figlie di Liu hanno raccontato una storia diversa: erano circa le otto di sera, e l’uomo stava pulendo del pesce per la famiglia con delle forbici, quando hanno bussato alla porta tre agenti di polizia armati, due uomini e una donna. Liu, secondo le figlie, è andato a vedere chi fosse ma senza aprire la porta: la polizia ha bussato sempre più forte e poi ha sfondato la porta. Hanno sparato un colpo di pistola e Liu è caduto a terra ferito. La sua famiglia è stata allora costretta a rimanere in una stanza mentre i soccorsi provavano a salvare l’uomo, senza riuscirci. Liu aveva cinque figli.

L’avvocato della famiglia di Liu ha negato che fosse in corso una lite, dicendo che il vicino che ha chiamato la polizia lo aveva già fatto altre volte, compresa una nel 2012 che aveva avuto come conseguenza l’arresto e il ricovero di Liu in un ospedale psichiatrico. Ha anche detto che Liu non sapeva che alla porta ci fosse la polizia, e che per questo avrebbe cercato di impedire agli agenti di entrare. Martedì l’Ispettorato generale della polizia francese (IGPN) ha annunciato l’apertura di un’inchiesta amministrativa sulla morte di Liu, mentre il procuratore di Parigi ne ha aperta una giudiziaria. Il governo cinese ha chiesto all’ambasciatore francese che sia fatta chiarezza sulla vicenda.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.