Vita quotidiana di Sarabba e Sidibbe, rifugiati

Hanno 20 e 28 anni, vengono dal Mali e ora vivono in un centro di accoglienza a Roma, come racconta il reportage di Serena Vittorini

Vittorini1

Foo dëkk significa dove abiti? ed è una frase in lingua wolof, parlata in alcuni paesi tra cui il Mali, da cui vengono Sarabba e Sidibbe: sono due ragazzi ritratti dalla fotografa Serena Vittorini nel centro SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) “Amahoro”, nel comune di Marcellina in provincia di Roma. Vittorini ha scelto questo titolo: «per riportare l’attenzione sul concetto di appartenenza, a mio parere non legato ai confini geografici, e per sottolineare la condizione di Sarabba e Sidibbe, che vivono in un centro e in una città che non è la loro casa».

I centri SPRAR fanno parte del sistema di seconda accoglienza per i migranti in Italia e sono destinati ai richiedenti protezione internazionale (qui è spiegato cosa succede a un migrante che arriva in Italia). Tra i compiti degli SPRAR c’è quello di garantire percorsi individuali di integrazione: corsi di italiano ma anche altri progetti che favoriscano una qualche formazione professionale.

Vittorini ha conosciuto Sarabba e Sidibbe nel centro”Amahoro”, e li ha fotografati tra marzo e giugno 2016: Sarabba aveva 20 anni e seguiva un corso per bodyguard, Sidibbe ne aveva 28 e lavorava in un’azienda agricola. Le fotografie mostrano alcuni ambienti del centro e i due ragazzi nella loro quotidianità: giocano a calcio, si fanno la doccia, passano il tempo libero insieme. In una foto si vede l’ombelico di Sarabba con una cicatrice dovuta alle procedure di recisione del cordone ombelicale. Vittorini ha cercato di raccontare qualcosa dei due ragazzi, come la passione di Sarabba per il calcio e quella di Sidibbe per la natura: «Il mio intento era quello di creare un reportage che fosse meno descrittivo e più simbolico della condizione umana dei ragazzi, mettere in evidenza le loro aspirazioni e non il loro status sociale, sottolineando che le loro esigenze sono spesso simili alle nostre».

Serena Vittorini è nata nel 1990 a l’Aquila, dove vive e lavora. Altre sue foto le trovate sul suo sito e sul suo profilo Instagram.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.