• Moda
  • lunedì 13 marzo 2017

Alcune cose non cambiano mai

La fotografa Sage Sohier ha ritratto sua madre ottantenne, che da giovane ha posato come modella per Irving Penn e Richard Avedon

Sohier

Per un breve periodo alla fine degli anni Quaranta Wendy Morgan lavorò come modella: posò per importanti fotografi come Richard Avedon, Irving Penn e Horst P. Horst, e apparve su riviste come LIFE e LOOK. Sua figlia Sage Sohier ha raccolto alcune fotografie della madre da giovane insieme ad altre più recenti che la mostrano in situazioni ordinarie, e le ha raccolte nel libro Witness to Beauty, pubblicato da Kehrer Verlag. Nelle immagini compaiono anche Sohier e sua sorella: il risultato è un racconto sulla giovinezza, la crescita e l’invecchiamento delle donne della famiglia. Sohier ha spiegato che: «Da bambina sono cresciuta osservando la sua bellezza. Mi sedevo sul suo letto con i cani a guardarla mentre provava i vestiti o si studiava criticamente allo specchio. È un lavoro sulla famiglia che invecchia: su come alcune cose non cambiano mai, e altre, inevitabilmente, sì». Alcune immagini ricreano vecchie foto di famiglia, ma la maggior parte sono state realizzate insieme alla madre, con la macchina fotografica in modalità autoscatto su un treppiede.

Sohier ha ora 62 anni e fa la fotografa da 30, mentre sua madre ne ha 89. Sohier iniziato la serie nel 2000 e l’ha interrotta quando la madre non si è più sentita a suo agio con l’immagine che le restituivano le fotografie. Sembra comunque molto più giovane della sua età, anche grazie alla chirurgia estetica: le figlie, che non ne hanno fatto invece uso, sembrano anche più vecchie o quasi coetanee della madre, come ha raccontato la stessa Sohier al blog di fotografia del New York Times. Sul Post abbiamo già pubblicato un lavoro di Sohier: At Home With Themselves, che racconta la vita delle coppie gay degli Stati Uniti negli anni Ottanta. Gli altri suoi lavori, comprese alcune fotografie di questa serie, si possono vedere sul suo sito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.