• Italia
  • venerdì 10 febbraio 2017

I precari dell’ISTAT hanno dirottato l’account Twitter dell’ISTAT

Per un'ora hanno twittato rivendicazioni sindacali e richieste di stabilizzazione, poi cancellate

Il 10 febbraio, poco prima delle 15, un gruppo di lavoratori dell’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) ha preso possesso dell’account Twitter ufficiale dell’ente per diffondere dei messaggi di protesta diretti al governo, contro le loro condizioni contrattuali. Il gruppo è composto da 343 lavoratori precari dell’ISTAT, che hanno anche un proprio account su Twitter, Precari Istat. In particolare, il gruppo si lamenta del fatto che al Senato non sia stato approvato un emendamento al cosiddetto “decreto milleproroghe” che avrebbe stabilizzato la loro situazione lavorativa, caratterizzata da contratti a tempo determinato. L’emendamento è stato bocciato due volte, all’inizio e alla fine di dicembre; il 14 febbraio il governo dovrà dare il proprio parere sulla questione che al momento rimane bloccata.

Il gruppo di lavoratori ha anche occupato l’aula magna dell’ISTAT per svolgere una conferenza stampa; alcuni dei tweet di protesta erano diretti a famosi giornalisti e trasmissioni televisive, in modo da attirare l’attenzione sulla questione. Ora i tweet di protesta sono stati cancellati dall’account dell’ISTAT.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.