Il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, tiene un discorso nei pressi della moschea di Quebec City (ALICE CHICHE/AFP/Getty Images)
  • Media
  • mercoledì 1 febbraio 2017

Il governo canadese ha fatto cancellare un tweet a Fox News

Diceva che l'attentatore di Quebec City fosse di origini marocchine, e continuava a girare molto nonostante la smentita della polizia

Il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, tiene un discorso nei pressi della moschea di Quebec City (ALICE CHICHE/AFP/Getty Images)

L’ufficio del primo ministro del Canada, Justin Trudeau, ha ottenuto l’eliminazione di un tweet pubblicato dall’emittente televisiva Fox News, di orientamento conservatore, con una notizia “falsa e ingannevole” sulle origini dell’attentatore di Quebec City, dove domenica in una moschea sono state uccise 6 persone e ferite altre 19. Fox News aveva scritto nel suo tweet che l’autore dell’attacco era di origini marocchine, condizione smentita già ore prima dalla polizia del Canada impegnata nelle indagini. Il direttore della comunicazione dell’ufficio di Trudeau, Kate Purchase, aveva inviato una lettera all’emittente chiedendo chiarimenti e la pubblicazione di spiegazioni sulla notizia sbagliata.

Nella serata di domenica, poco dopo l’attentato, la polizia aveva fermato due persone sospettate di avere partecipato all’attacco: una era di origini marocchine. Alcune ore dopo, la polizia aveva però chiarito che solo l’altra persona era sospettata per l’attentato, mentre quella originaria del Marocco era stata rilasciata e considerata un semplice testimone. L’annuncio era stato diffuso dalle autorità del Canada e ripreso dai principali siti d’informazione e agenzie di stampa a mezzogiorno del lunedì seguente, 30 gennaio.

Nel pomeriggio dello stesso giorno Fox News aveva però pubblicato un tweet in cui si ripeteva che il sospettato era “di origini marocchine”, senza fornire dettagli sul chiarimento diffuso dalla polizia, né sull’altra persona arrestata: Alexandre Bissonnette, un ragazzo di 27 anni sostenitore di movimenti populisti, come il Fronte Nazionale francese di Marine Le Pen, e del presidente statunitense Donald Trump, secondo le testimonianze raccolte. Bissonnette è accusato di omicidio e di tentato omicidio.

tweet-fox-news-quebec

Il tweet di Fox News è rimasto online senza correzioni per diverse ore, nonostante fosse ormai chiaro che il presunto attentatore fosse solamente uno e sicuramente non di origini marocchine. Il tweet aveva ricevuto circa 900 retweet e 1.600 “Mi piace”, diffondendosi rapidamente online. Un link nel tweet rimandava a un articolo sul sito di Fox News aggiornato con le corrette informazioni, ma come spesso avviene in questi casi la maggior parte delle interazioni stavano avvenendo direttamente su Twitter, senza che gli utenti potessero avere chiare informazioni sulla notizia sbagliata contenuta nel tweet.

L’ufficio di Trudeau ha quindi scritto una lettera a Fox News chiedendo la rimozione del tweet e chiarimenti:

Questi tweet di Fox News fanno disinformazione e sono un disonore per la memoria di sei persone uccise e per le loro famiglie, sfruttano temi di identità politica e promuovono paure e divisioni nelle nostre comunità. […] Dobbiamo concentrarci per mantenere le nostre comunità unite e al sicuro, invece di creare muri e capri espiatori. Identificare i terroristi con i musulmani e basta non è solo da ignoranti, è una cosa irresponsabile. […] La paura non ci rende più sicuri. Ci rende più deboli. Giocare sulle paure e chiudere i nostri confini non è una soluzione.

Alcune ore dopo la pubblicazione della lettera, Fox News ha pubblicato un breve messaggio dicendo di essere “dispiaciuta per l’errore”, sostenendo comunque di avere aggiornato il proprio articolo quando era diventato chiaro che ci fosse un solo sospettato per l’attacco, e di avere pubblicato un successivo tweet per chiarire la situazione. Il tweet segnalato dal governo canadese è stato invece rimosso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.