Serena Williams esulta dopo aver segnato un punto nella finale contro la sorella (WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 28 gennaio 2017

Serena Williams ha vinto gli Australian Open

Ha battuto in finale la sorella maggiore Venus, ottenendo il 23esimo Slam in carriera: è un nuovo record

Serena Williams esulta dopo aver segnato un punto nella finale contro la sorella (WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)

Serena Williams ha vinto il torneo femminile degli Australian Open sconfiggendo in finale la sorella Venus con il punteggio di 6-4, 6-4. Pur essendo nettamente sfavorita, Venus è riuscita a tenere testa alla sorella per gran parte della finale, in cui ci sono stati alcuni scambi molto belli. Con la vittoria di oggi (e grazie anche all’eliminazione di Angelique Kerber negli ottavi di finale del torno) Serena Williams è tornata al primo posto nel ranking WTA, dopo averlo perso lo scorso settembre. Venus invece, che ha 36 anni, uno in più della sorella, rimane al sesto posto. Con la vittoria degli Australian Open di quest’anno, Serena ha ottenuto il suo settimo titolo nel torneo australiano, il 23mo in un torneo del Grande Slam. È un nuovo record, per l’era Open: quello precedente apparteneva a Steffi Graf, con 22 Slam.

A Melbourne le sorelle Williams si sono affrontate in una finale di un torneo otto anni dopo l’ultima volta e complessivamente questa è stata la nona finale di un torneo major giocata fra loro due: Serena è considerata la più forte tennista al mondo – e nel corso del torneo lo ha dimostrato — Venus è la sorella meno famosa, quella che ha vinto molto di meno. Per arrivare alla finale, Serena – che ha iniziato il torneo da testa di serie, come la sorella — ha eliminato, in ordine, Belinda Bencic, Lucie Šafářová, Nicole Gibbs, Barbora Strýcová, Johanna Konta e Mirjana Lučić-Baroni. Venus invece ha sconfitto Kateryna Kozlova, Stefanie Vögele, Duan Yingying, Mona Barthel, Anastasija Pavljučenkova e la connazionale Coco Vandeweghe.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.