Un caccia F-22 Raptor dell'aeronautica americana atterra nella base area di Siauliai, in Lituania, il 27 aprile 2016 (AP Photo/Mindaugas Kulbis)
  • Mondo
  • lunedì 23 Gennaio 2017

La Lituania costruirà una recinzione per difendersi dalla Russia

E la finanzierà l'Unione Europea, per il timore di un'invasione dalla confinante enclave russa di Kaliningrad

di Rick Noack – The Washington Post
Un caccia F-22 Raptor dell'aeronautica americana atterra nella base area di Siauliai, in Lituania, il 27 aprile 2016 (AP Photo/Mindaugas Kulbis)

Dopo aver sacrificato milioni di persone per contribuire a sconfiggere la Germania nazista, l’Unione Sovietica ricevette un segno della gratitudine dei suoi alleati: una fetta di territorio che circondava la città prussiana di Königsberg, sul mar Baltico. Questa enclave russa isolata e altamente militarizzata di quasi un milione di persone – che oggi si chiama Kaliningrad – sta suscitando nuovi timori di una guerra in Europa.

A seguito dell’aumento della presenza militare russa a Kaliningrad degli ultimi mesi, lunedì la Lituania – con cui l’enclave confina – ha annunciato che costruirà una recinzione al confine lunga circa 128 chilometri, che sarà dotata di telecamere di sorveglianza e dovrebbe essere finita quest’anno. «I motivi sono sia economici, per evitare il contrabbando, che geopolitici, per rafforzare il confine esterno dell’Unione Europea», ha detto all’agenzia di stampa Agence France-Presse Eimutis Misiunas, il ministro degli Interni lituano. Il progetto dovrebbe essere finanziato prevalentemente dall’Unione Europea, come investimento sulla sicurezza.

La recinzione è l’ultimo segnale dell’aumento delle tensioni tra Russia e Occidente lungo il mar Baltico. I tre piccoli paesi baltici – Estonia, Lettonia e Lituania – sono membri dell’Unione Europea e della NATO. Inoltre, confinano con la Russia e in passato hanno fatto tutti parte dell’Unione Sovietica. Dopo la guerra russa in Ucraina orientale e l’annessione della Crimea, i leader baltici temono che i loro paesi possano essere i prossimi obiettivi di una potenziale espansione russa. Hanno accusato la Russia di aver violato frequentemente lo spazio aereo della NATO, di aver inviato unità sotto copertura sul loro territorio e addirittura di aver compiuto invasioni nei tre piccoli paesi. I politici lituani credono che la recinzione possa fare da deterrente contro le potenziali incursioni russe. Il timore maggiore è che la Russia possa provare a chiudere la “breccia di Suwalki”, il tratto della Polonia che separa Kaliningrad dalla Bielorussia, alleata della Russia. Se la Russia dovesse invadere questa porzione di territorio i paesi baltici sarebbero isolati dal resto d’Europa.

kaliningrad

Le autorità russe hanno respinto le accuse di voler riassorbire i paesi baltici. Lunedì Anton Alikhanov, governatore a interim di Kaliningrad, ha detto in modo sarcastico all’emittente finanziata dal governo russo RT che sarebbe stata la sua regione a fornire i materiali edili per la costruzione della recinzione al confine. La Russia ha anche sottolineato la presenza dei 3.500 soldati americani inviati in Polonia la settimana scorsa e i sistemi missilistici di difesa installati lungo i confini russi per sostenere come la responsabilità dell’aumento delle tensioni debba essere attribuita alla NATO.

Se la Russia dovesse mai decidere di invadere probabilmente la recinzione non sarebbe molto utile per fermare le forze russe. Potrebbe impedire a contrabbandieri e soldati di entrare in Lituania, ha ammesso Misiunas lunedì, ma non riuscirebbe a evitare l’ingresso nel paese a dei carri armati. Ma con il presidente-eletto degli Stati Uniti Donald Trump che definisce la NATO «obsoleta» e i timori per il futuro dell’alleanza che raggiungono nuovi picchi, la Lituania forse spera che il progetto della recinzione segnali la sua determinazione a resistere alla pressioni russe e a contribuire al mantenimento della pace.

© 2017 – The Washington Post