Biden ha un semplice consiglio per Trump

Il vicepresidente ha consigliato al presidente eletto di crescere, che «è ora di diventare adulto»

Giovedì 6 gennaio è stata trasmessa negli Stati Uniti un’intervista in cui – durante il programma NewsHour della PBS – Joe Biden, il 74enne vicepresidente degli Stati Uniti, ha parlato di Donald Trump, che ha 70 anni e dal 20 gennaio diventerà presidente, prendendo il posto di Barack Obama. L’intervistatrice ha parlato a Biden di alcuni tweet di Trump, tra cui quello in cui ha definito “capo clown” Chuck Schumer, esperto politico di New York e capo dei Democratici al Senato, e quello in cui ha scritto «pensavo sarebbe stata una transizione morbida. NO!». Quando l’intervistatrice aveva probabilmente altre cose da aggiungere all’elenco, Biden ha sorriso e ha detto:

Cresci, Donald. Cresci. È ora di diventare adulto. Sei presidente. Dovrai fare qualcosa. Facci vedere cosa hai in serbo. Proporrai delle leggi. Ne parleremo. Lascia decidere i cittadini. Lascia che si voti al Congresso. Vediamo che succederà.

Biden ha anche detto che una volta che Trump sarà presidente – e non solo presidente eletto – «sarà molto più chiaro in cosa crede e a cosa è contro», Biden ha poi spiegato di essere preoccupato dalla mancanza di fiducia che Trump ha dimostrato nei confronti dell’intelligence americana, perché è una cosa «irragionevole». Biden aveva già parlato in modo piuttosto duro di Trump a ottobre, prima che fosse eletto; disse: «Non è una persona cattiva, ma la sua ignoranza è così profonda, così profonda». In un’altra occasione, in un comizio durante la campagna elettorale, aveva detto: «I giornalisti mi chiedono sempre se desidero affrontarlo in un dibattito tv. No, vorrei che fossimo al liceo, così potrei affrontarlo dietro la palestra. Ecco cosa vorrei».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.