• Mondo
  • sabato 24 Dicembre 2016

Gli Stati Uniti controlleranno gli account social di chi vuole entrare nel paese

La nuova regola riguarda chi entra utilizzando l'ESTA: per ora è facoltativa, ma ci sono molte preoccupazioni per la privacy

La US Customs and Border Protection, l’agenzia statunitense che si occupa del controllo delle frontiere, ha iniziato a chiedere a chi entra negli Stati Uniti informazioni sulla propria attività online, con un modulo elettronico nel quale segnalare i propri account dei social network e di altri servizi su Internet. Per ora l’indicazione è facoltativa e riguarda solamente i viaggiatori che utilizzano l’Electronic System for Travel Authorization (ESTA), il modulo da compilare online con i propri dati personali per ottenere il permesso di entrare negli Stati Uniti nell’ambito del Visa Waiver Program, senza visto e con la possibilità di restare nei confini statunitensi per un massimo di 90 giorni.

La novità è stata introdotta piuttosto silenziosamente dal governo degli Stati Uniti, senza fornire molte informazioni aggiuntive. Un suo portavoce ha spiegato a Politico che l’iniziativa serve per “identificare potenziali minacce” per la sicurezza nazionale, ma non ha dato altri dettagli su che cosa accada dopo che sono stati forniti i dati sui propri account, né come questi siano utilizzati dalle autorità per condurre le loro verifiche.

Il modulo compare durante la registrazione per l’ESTA ed è attivo dallo scorso martedì. Offre un elenco di social network, da Facebook a Instagram a Twitter, tra i quali scegliere e indicare il nome utente legato al proprio profilo. Anche sul modulo non ci sono molte altre informazioni: non è per esempio chiaro se in seguito ai controlli sulla propria presenza online il governo degli Stati Uniti si riservi il diritto di negare l’ingresso nel suo territorio, ancora prima della partenza. È invece certo che per ora l’ingresso non sarà negato a chi si rifiuterà di dare informazioni sui propri account online, scegliendo quindi di fornire solo i dati personali richiesti fino a pochi giorni fa per ottenere l’ESTA.

La proposta di chiedere i dati sugli account online era stata avanzata all’inizio della scorsa estate, ricevendo durissime critiche da parte delle organizzazioni che si battono per la tutela della privacy su Internet. Le stesse grandi aziende del Web, come Facebook, Google e Twitter avevano chiesto al governo di ripensarci, dicendo che il nuovo sistema minaccia la libertà di espressione e pone problemi di privacy e sicurezza per i turisti stranieri. Queste preoccupazioni non sono state ascoltate dall’amministrazione Obama, portando a ulteriori critiche nei suoi confronti.

Michael W. Macleod-Ball, il capo dello staff dell’American Civil Liberties Union, una delle più grandi organizzazioni per la tutela dei diritti civili negli Stati Uniti, ha ricordato che: “Ci sono pochissime regole su come questi dati sono raccolti, conservati e inoltrati ad altre agenzie governative, e non ci sono linee guida sui limiti per il loro utilizzo da parte del governo. Il governo ha certamente il diritto di raccogliere alcuni tipi di informazioni, ma sarebbe meglio se si concentrasse sulle preoccupazioni per la privacy espresse da tempo dalle varie organizzazioni che se ne occupano”.

Altre preoccupazioni sono state espresse per la tempistica con cui si è scelto di introdurre il nuovo sistema. Tra meno di un mese negli Stati Uniti cambierà il governo e si insedierà Donald Trump, che in più occasioni ha detto di volere inasprire i controlli su chi entra negli Stati Uniti, proponendo tra le altre cose l’istituzione di un apposito registro per i musulmani. Il timore di molte associazioni è che sotto Trump la richiesta degli account diventi obbligatoria e non più opzionale, quindi estesa a chiunque voglia entrare negli Stati Uniti.