(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Cosa cambia nel governo Gentiloni

Entrano nel governo Finocchiaro e Fedeli: c'è qualche delega promossa a ministero, e Boschi spostata

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

I ministri del nuovo governo sono stati annunciati dal nuovo Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Qui maggiori informazioni su ciascuno dei ministri.

Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio era agli Esteri
Maria Elena Boschi, Sottosegretario alla presidenza del Consiglio era alle Riforme
Marco Minniti, Ministro degli Interni era sottosegretario alla Presidenza
Angelino Alfano, Ministro degli Esteri era all’Interno
Pier Carlo Padoan, Ministro dell’Economia confermato
Andrea Orlando, Ministro della Giustizia confermato
Roberta Pinotti, Ministro della Difesa confermata
Graziano Delrio, Ministro delle infrastrutture confermato
Carlo Calenda, Ministro dello sviluppo economico confermato
Valeria Fedeli, Ministro dell’Istruzione nuova
Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro confermato
Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali confermato
Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole confermato
Luca Lotti, ministro dello Sport era sottosegretario alla Presidenza
Claudio De Vincenti, ministro coesione territoriale e Sud era sottosegretario alla Presidenza
Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute confermata
Marianna Madia, Ministro della Pubblica Amministrazione confermata
Anna Finocchiaro, Ministro dei Rapporti con il Parlamento nuova
Enrico Costa, Ministro degli Affari regionali confermato
Gianluca Galletti, Ministro dell’Ambiente confermato

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.