Un edificio dopo il terremoto, Pidie Jaya, 7 dicembre 2016 (ZIAN MUTTAQIEN/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 7 Dicembre 2016

C’è stato un terremoto in Indonesia, sono morte almeno 97 persone

È stato di magnitudo di 6.5 e con epicentro nell'isola di Sumatra, quella più colpita dallo tsunami del 2004

Un edificio dopo il terremoto, Pidie Jaya, 7 dicembre 2016 (ZIAN MUTTAQIEN/AFP/Getty Images)

All’alba di mercoledì un terremoto con magnitudo 6.5 ha colpito l’isola di Sumatra, in Indonesia. Finora, ha detto un generale dell’esercito, sono stati confermati 97 morti, ma ci sono molte altre persone ancora intrappolate sotto le macerie degli edifici crollati. Il terremoto ha avuto il suo epicentro vicino alla piccola cittadina di Reuleuet, nella provincia di Aceh, nella parte settentrionale dell’isola, ma i danni più gravi sono stati provocati nella città di Meureudu, poco distante dall’epicentro, dove sono ancora in corso le operazioni di soccorso. Le immagini trasmesse dalla televisione locale e pubblicate sui social media hanno mostrato edifici danneggiati o crollati – tra cui 14 moschee –, strade distrutte e pali dell’elettricità sradicati.

Da questa mattina migliaia di persone – abitanti del luogo, militari e poliziotti – stanno partecipando ai soccorsi. Secondo le stime dell’Agenzia nazionale che si occupa di disastri naturali, i feriti sono 273, ma il numero salirà certamente nelle prossime ore. Intanto il presidente indonesiano Joko Widodo ha ordinato a tutte le agenzie governative di prendere parte alle operazioni di soccorso nella zona di Aceh, una provincia che ha una notevole autonomia nei confronti del governo centrale, acquisita dopo un accordo di pace concluso con gruppi di separatisti locali.

La scossa di terremoto più forte si è verificata alle 5 di mattina, quando la maggior parte della popolazione locale – di fede musulmana – si stava preparando per la preghiera. Nelle ore successive si sono sentite altre cinque scosse, ma non è stato diffuso alcun allarme tsunami. Nel 2004 un terremoto e il conseguente tsunami avevano devastato proprio la provincia di Aceh, uccidendo più di 170mila persone in Indonesia e altre decine di migliaia in altri paesi dell’Oceano indiano (nella sola zona di Aceh morirono 120mila persone).