Meghan Markle (Alberto E. Rodriguez/Getty Images)

«Questo non è un gioco, questa è la loro vita»

Il comunicato del principe Harry contro i commenti sessisti e razzisti sulla sua nuova compagna

Meghan Markle (Alberto E. Rodriguez/Getty Images)

Il principe Harry ha diffuso attraverso il suo staff un comunicato sul trattamento che i media hanno dedicato alla sua nuova fidanzata, l’attrice Meghan Markle. Il testo spiega che nonostante il principe Harry sia abituato alla «curiosità sulla sua vita privata», ritiene che questa volta sia stato sorpassato il limite, e critica duramente i modi aggressivi in cui i media si sono occupati della notizia della loro relazione, e il modo razzista e sessista in cui hanno raccontato e criticato Markle. «Questo non è un gioco, è la loro vita», si dice nel comunicato, descrivendo i tentativi intrusivi e semi-illegali con cui i giornalisti hanno cercato di raccogliere informazioni su di lei.
Meghan Markle è un’attrice californiana di 35 anni, ha recitato in CSI: NY, Castle e Suits, tra le altre cose, ed è figlia di un uomo caucasico e una donna afroamericana. Sulle sue origini si sono concentrati molti dei commenti peggiori.
Il testo del comunicato:

Fin da quando era giovane, il principe Harry è sempre stato consapevole dell’affetto che le persone avevano per lui. Sente di essere molto fortunato ad avere così tante persone che lo sostengono e sa bene di vivere una vita felice e privilegiata.

Sa anche che c’è molta curiosità per la sua vita privata. Non è mai stato a proprio agio con questa cosa, ma ha cercato di imparare a convivere con il livello di attenzione nei suoi confronti da parte dei media. Solo in pochissimi casi si è mosso formalmente contro la continua pubblicazione di storie false sul suo conto e ha lavorato duramente per sviluppare una relazione professionale con i media, concentrata sul suo lavoro e sui problemi che gli stanno più a cuore.

Durante l’ultima settimana, però, è stato superato il limite. La sua fidanzata, Meghan Markle, è stata vittima di un’ondata di abusi e molestie. Alcune sono state pubbliche, come la denigrazione sulla prima pagina di un quotidiano nazionale, il tono razzista di alcuni articoli, il sessismo sfacciato e il razzismo dei troll sui social media e in alcuni commenti online. Alcune cose sono invece rimaste nascoste al pubblico, come le notti passate cercando di bloccare la pubblicazione di storie false e calunniose, la madre di lei che non riusciva a rientrare a casa per via dei fotografi affollati davanti alla porta, il tentativo di fotografi e giornalisti di entrare illegalmente in casa sua e le conseguenti chiamate alla polizia, le sostanziose offerte di soldi al suo ex fidanzato da parte dei giornali, il bombardamento subito da ogni amico, collega e da ogni persona vicina a lei.

Il principe Harry è preoccupato per la sicurezza di Markle ed è molto rattristato per non essere stato in grado di proteggerla. Non è giusto che dopo pochi mesi di relazione con lui, Markle sia sottoposta a un trattamento del genere. Il principe sa che i commentatori diranno che “questo è il prezzo che deve pagare” e che “fa tutto parte del gioco”, ma non è d’accordo. Questo non è un gioco, questa è la loro vita.

Ha chiesto che questo comunicato venisse diffuso nella speranza che le persone che nei media hanno portato avanti queste storie sul suo conto possano fermarsi e riflettere prima di fare altri danni. Il principe sa che è inusuale un comunicato di questo tipo, ma spera che le persone ragionevoli capiranno che è stato necessario esprimersi pubblicamente.

cwu9ngvxeaa-6nm

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.