• Italia
  • domenica 30 ottobre 2016

Il terremoto nell’Italia Centrale

La scossa di magnitudo 6,5 di domenica mattina, la più forte in Italia dal 1980, non ha provocato morti: ci sono però feriti, crolli e sfollati

Un vigile del fuoco vicino a una crepa su una strada fuori dal centro di Norcia, il 20 ottobre 2016 (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Un terremoto di magnitudo 6.5 – il più forte in Italia negli ultimi 36 anni – ha interessato tutta l’Italia Centrale alle 7:40 di domenica mattina, ed è stato sentito anche in molte zone del Nord. Il terremoto ha avuto l’epicentro vicino a Norcia, in provincia di Perugia, a pochi chilometri da quello del terremoto che ha colpito la stessa zona mercoledì scorso. L’ipocentro del terremoto di questa mattina è stato registrato a una profondità di 10 chilometri. Ci sono stati crolli in diverse città – il più notevole è stato quello della Basilica di San Benedetto di Norcia –, ma non ci sono stati morti. Una ventina di persone sono rimaste ferite, ma nessuna è in pericolo di vita, come ha confermato il capo della protezione civile Fabrizio Curcio. I comuni più colpiti dal terremoto di domenica sono gli stessi che erano stati danneggiati da quello di mercoledì scorso, il 26 ottobre: Norcia, Castelluccio, Castelsantangelo sul Nera, Preci, Arquata del Tronto, Ussita, Visso, Amatrice e Tolentino. Non si sa con precisione il numero delle persone rimaste senza casa, molte delle quali hanno ricevuto la possibilità di passare la notte in località lungo la costa o vicino al Lago Trasimeno.

L’epicentro del terremoto del 26 ottobre era stato infatti a pochi chilometri da quello di oggi: allora la scossa più forte era stata però di magnitudo 5.9. C’erano stati molti crolli, qualche ferito lieve e migliaia di persone sfollate. Da allora molte persone dormono fuori dalle proprie case, in alcune città colpite più gravemente dai crolli: è soprattutto per questo che, secondo il bilancio attuale, il terremoto di questa mattina non ha provocato morti. Si è anche detto che grazie al passaggio dell’ora da legale a solare, avvenuto nella notte tra sabato e domenica, i vigili del fuoco non si trovavano all’interno degli edifici pericolanti quando è avvenuto il terremoto: era previsto che cominciassero a lavorare alle 8:00. Domani le scuole rimarranno chiuse in molte città dell’Italia centrale, Roma compresa.

Il Post ha seguito le notizie della giornata con un liveblog.

18:02 30 Ott 2016

Il punto della situazione alle 18:

• Questa mattina alle 7:40 c’è stato un terremoto di magnitudo 6.5 nel Centro Italia, con epicentro a pochi chilometri da Norcia, in provincia di Perugia (Umbria), e ipocentro a 10 chilometri di profondità. Ha interessato la provincia di Macerata e Ascoli Piceno (Marche), quella di Perugia (Umbria) e quella di Rieti (Lazio);

• Non ci sono stati morti, ma circa venti persone sono rimaste ferite: nessuna è in pericolo di vita;

• Ci sono stati molti crolli, che hanno interessato in parte edifici già danneggiati nel terremoto di mercoledì scorso o in quello dello scorso agosto: tra le città più colpite, oltre a Norcia, ci sono Castelluccio, Castelsantangelo sul Nera, Preci, Arquata del Tronto, Ussita, Visso, Amatrice e Tolentino.

• A Norcia è crollata la Basilica di San Benedetto, mentre ad Amatrice è crollato il campanile della chiesa di Sant’Agostino;

• Non si sa ancora il numero degli sfollati;

• La scossa è stata sentita in tutto il Centro Italia, e anche in alcune zone del Nord Italia;

• È stata la più forte scossa di terremoto a interessare l’Italia dal 1980, quando ci fu il terremoto in Irpinia (di magnitudo 6.9);

• A Roma sono crollati anche alcuni pezzi dei cornicioni della Basilica di San Paolo fuori le Mura; dopo qualche ora però la chiesa è stata riaperta al pubblico;

• L’epicentro del terremoto di stamattina è a pochi chilometri da quello del terremoto di mercoledì scorso, che era stato di magnitudo 5.9: in questi giorni moltissime persone nella zona hanno dormito fuori dalle proprie case, cosa che ha contribuito a ridurre il numero dei morti;

• La strada Salaria è stata in parte danneggiata, ed è stata chiusa al chilometro 112 per chi proviene da Roma; nel corso della mattina sono state interrotte alcune linee ferroviarie e il servizio della metro di Roma è stato sospeso, ma ora tutti i servizi di trasporti sono stati riattivati;

• Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato che domani si riunirà il Consiglio dei ministri, che ascolterà i quattro presidenti delle regioni coinvolte (Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio), insieme al commissario straordinario per la ricostruzione Vasco Errani e al capo della protezione civile Fabrizio Curcio.

17:59 30 Ott 2016

L’INGV ha pubblicato un approfondimento sulla storia sismica della zona di Norcia. Non si sa molto di terremoti precedenti il Settecento, ma è probabile che ce ne siano stati anche prima: «La povertà delle conoscenze è tipica delle zone montane e poco abitate, cui la storiografia ufficiale dedica poca attenzione perché in genere più concentrata sugli avvenimenti riguardanti le città, quali centri del potere politico, culturale e economico».

Si sa di un terremoto risalente al dicembre 1328 di magnitudo 6.5 che ebbe effetti stimati al grado 9-10 della Scala Mercalli a Norcia e di 9 a Visso. Altri grossi terremoti ci furono il 14 gennaio 1703 (magnitudo 6.9) quando Norcia e Accumoli furono completamente distrutte, il 27 giugno 1719 (5.6), il 12 maggio 1730 (6.0) e il 22 agosto 1859. Il 19 settembre 1979 ci fu poi un terremoto di magnitudo 5.8 che a Norcia causò danni gravi (8 della Scala Mercalli).



17:53 30 Ott 2016

Diego Pignatelli, presidente della Pro loco della frazione di Castelluccio di Norcia, ha detto: «Il 60 per cento dell’antico paese di Castelluccio di Norcia è crollato. La chiesa di Santa Maria dell’Assunta e la casa di fianco sono crollate. Danneggiato anche l’arco davanti alla Chiesa».  È caduto anche il campanile che era stato imbrigliato dopo il terremoto del 24 agosto. Alcuni degli abitanti sono stati soccorsi e portati via in elicottero dato che le strade per raggiungere la località sono impraticabili.

La Guardia di Finanza ha girato un video di come è ora il piccolo paese, visto dall’elicottero.

17:22 30 Ott 2016

A Roma ci sono state decine di segnalazioni di danni, nessuno grave secondo quanto ha detto la sindaca Virginia Raggi. Ci sono però notizie di alcuni danni alla cupola di Sant’Ivo alla Sapienza, progettata da Francesco Borromini nel Seicento: Repubblica scrive che si sono riaperte alcune crepe già esistenti, e che la chiesa è stata chiusa.

17:03 30 Ott 2016

Il gruppo Ferrovie dello Stato ha mandato alla stazione di Foligno (provincia di Perugia) un treno notte con 420 cuccette per ospitare alcune delle persone che abitano nelle zone colpite dal terremoto. Il treno avrà luce e riscaldamento per tutta la notte e i servizi igienici della stazione rimarranno aperti. Nei giorni scorsi Ferrovie dello Stato aveva già messo a disposizione nella stazione di Fabriano un treno notte allo stesso scopo.

16:53 30 Ott 2016

Gli abitanti di Norcia, anche quelli le cui case non sono state danneggiate dal terremoto, hanno la possibilità di trascorrere la notte in strutture turistiche nell’area del Lago Trasimeno. Dei pullman diretti in questa zona sono in partenza da Norcia.

16:47 30 Ott 2016

Sul sito dell’INGV è spiegato per quale ragione questa mattina non si è saputa subito la magnitudo del terremoto delle 7:40. Le prime stime sulla posizione dell’epicentro, sulla profondità e sulla magnitudo di un terremoto vengono fatte solo due minuti dopo la scossa: sono realizzate in modo automatico a partire dai dati forniti dalle stazioni sismiche più vicine all’epicentro.

Nel giro di 5 minuti arrivano i dati di tutte le stazioni della Rete Sismica Nazionale: anche in questo caso la misura è automatica, ma più precisa. I sismologi della Sala Operativa di Monitoraggio Sismico analizzano questi dati e li comunicano alla protezione civile entro 30 minuti (di solito ci mettono 10-15 minuti); la stessa informazione è pubblicata anche su Twitter, sull’applicazione di INGV per dispositivi mobili e Facebook per le scosse più forti. I tempi sono più lunghi per i terremoti che avvengono in mare.

16:21 30 Ott 2016

Il capo della protezione civile Fabrizio Curcio ha di nuovo dato degli aggiornamenti sulla situazione: ha detto che i feriti non sono aumentati, e rimangono intorno ai 20, di cui qualcuno ricoverato con codice giallo. Curcio ha detto che non risultano dispersi, e che non ci sono stati danni «particolarmente gravi» agli ospedali. Gli spostamenti verso le zone costiere degli sfollati hanno incontrato qualche difficoltà, e in alcuni tratti i pullman sono accompagnati dagli addetti dell’ANAS. Curcio ha aggiunto che non ci sono situazioni di «particolare isolamento» in nessun paese: solo Castelluccio non è ancora collegato, ma è stato comunque raggiunto dai soccorsi.

16:09 30 Ott 2016

15:59 30 Ott 2016

La polizia municipale di Roma ha detto che è stato riaperto il tratto della sopraelevata della tangenziale est della città, da viale Castrense in direzione Salaria, che era stato chiuso per verifiche in seguito al terremoto. La corsia opposta resta chiusa.

15:54 30 Ott 2016

Su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi ha annunciato che domani le scuole di Roma rimarranno chiuse per precauzione.

15:46 30 Ott 2016

Dall’inizio del Novecento ci sono stati nove grandi terremoti in Italia. I più forti furono quelli dell’8 settembre 1905 in Calabria, di magnitudo 7.1, quello del 28 dicembre 1908 a Messina, di magnitudo 7.2, e quello del 13 gennaio 1915 ad Avezzano, in Abruzzo, che fu di magnitudo 7.0.

Con magnitudo maggiore o pari a 6.5 ci furono quello della Garfagnana (tra Toscana ed Emilia) del 7 settembre 1920, di magnitudo 6.5, e i due dell’Irpinia: quello del 23 luglio 1930, di magnitudo 6.7, e quello del 23 novembre 1980, di magnitudo 6.9.

15:23 30 Ott 2016

A Norcia c’è Zoro, cioè Diego Bianchi, il conduttore di Gazebo.

15:19 30 Ott 2016

Le foto di una strada danneggiata dal terremoto, fuori dal centro di Norcia.

15:16 30 Ott 2016

Strada dei Parchi Spa ha detto che in Abruzzo le autostrade A24 e A25 sono interamente percorribili; sono finite le operazioni di controllo lungo le strade per verificare che non ci fossero danni causati dal terremoto.

14:55 30 Ott 2016

Sky TG24 ha spiegato che i Vigili del Fuoco nelle zone interessate dal terremoto avrebbero dovuto iniziare il primo turno di sopralluoghi – organizzati in seguito al terremoto di mercoledì scorso – negli edifici crollati o a rischio alle 8 di mattina, venti minuti dopo la scossa di questa mattina. Il fatto che questa notte sia cambiata l’ora (si è tornati a quella solare, e quindi le 8:40 sono diventate le 7:40) ha impedito che qualche pompiere potesse trovarsi in edifici pericolanti al momento del terremoto. 

14:49 30 Ott 2016

14:48 30 Ott 2016

Alle 14:34 c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 4.5 con epicentro distante circa 10 chilometri da quello del terremoto delle 7:40, in direzione sud-est.

14:38 30 Ott 2016

Domani a Perugia rimarranno chiusi gli asili nido pubblici e privati, le scuole materne, le elementari e le medie.

14:38 30 Ott 2016

Repubblica ha diffuso un video dei vigili del fuoco che mostra il centro di Amatrice ripreso da un drone: i danni maggiori si erano verificati dopo il terremoto dello scorso 24 agosto, ma la scossa di stamattina ha causato nuovi crolli.

14:36 30 Ott 2016

La società Valle Umbra Servizi (VUS), che gestisce la rete idrica della Valnerina, ha detto di non usare l’acqua corrente per usi alimentari a Norcia e a Preci per il rischio di contaminazioni dovute alle frane nei corsi d’acqua.

14:25 30 Ott 2016

Il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente ha detto che il centro storico della città è sicuro nelle zone aperte al pubblico, perché tutti i crolli avvenuti oggi sono stati nella zona rossa, dove era già vietato andare.

14:23 30 Ott 2016

La crepa che si è creata sulla Basilica di San Paolo fuori le Mura a Roma, ora riaperta al pubblico (attraverso però un percorso esterno, che non passa vicino al cornicione). La Basilica, distrutta da un incendio nel 1823, fu ricostruita nel 1840 e da allora non aveva mai subito danni di questo tipo.
(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

14:17 30 Ott 2016

La protezione civile ha detto che il numero dei feriti non è aumentato: sono circa venti per ora, nessuno dei quali in pericolo di vita.

14:14 30 Ott 2016

Il torrente Nera è in parte esondato vicino a Visso a causa di una frana provocata dal terremoto; delle rocce continuano a cadere nel corso d’acqua dalle Gole della Valnerina. La strada che porta a Visso è stata chiusa per alcune centinaia di metri nei punti in cui sono crollati dei massi e l’acqua ha invaso la strada.

Gli effetti di una frana sulla strada tra Visso e Ussita, il 30 ottobre 2016 (ANSA/LUCA LAVIOLA)

14:12 30 Ott 2016

Un video di Rai News24 che mostra alcuni dei crolli causati dalla scossa di terremoto di stamattina.

14:01 30 Ott 2016

13:53 30 Ott 2016

La Basilica di San Paolo fuori le Mura, a Roma, è stata riaperta ai fedeli e ai turisti dopo alcuni controlli al cornicione in cui si è formata una crepa a causa del terremoto.

13:32 30 Ott 2016

È ripresa la circolazione sulle linee ferroviarie Ascoli-Porto d’Ascoli e Teramo-Giulianova, mentre restano sospese le linee Terni-Sulmona e Albacina-Civitanova Marche.

13:29 30 Ott 2016

Tutto il centro storico di Norcia è stato evacuato dai vigili del fuoco.

13:24 30 Ott 2016

L’INGV ha registrato un terremoto di magnitudo 4.6 alle 13:07 in provincia di Perugia, vicino a Norcia; l’epicentro è a meno di 2 chilometri da quello del terremoto delle 7:40.

13:23 30 Ott 2016

L’ANAS ha chiuso temporaneamente la strada statale 80, quella “del Gran Sasso d’Italia”, a causa del rischio che alcuni massi franino sulla strada tra le località di Montorio al Vomano e Fano Adriano, in provincia di Teramo.

13:17 30 Ott 2016

13:06 30 Ott 2016

ANSA dice che tra le località più danneggiate c’è la frazione di Castelluccio di Norcia, secondo quanto riferito dal Centro operativo comunale che si trova fuori dal piccolo paese.

12:57 30 Ott 2016

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha tenuto una conferenza stampa a Palazzo Chigi per parlare del terremoto: ha detto che «siamo in presenza di un dolore profondo, di uno stress, che non deve trasformarsi in rassegnazione», e ha invitato le varie forze politiche all’unità. Renzi ha detto che domani si riunirà il Consiglio dei ministri, che ascolterà i quattro presidenti delle regioni coinvolte (Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio), insieme al commissario straordinario per la ricostruzione Vasco Errani e al capo della protezione civile Fabrizio Curcio. Renzi ha detto che i comuni colpiti dal terremoto di oggi saranno aggiunti a quelli per cui sono previsti i risarcimenti e i prestiti statali per la ricostruzione (sarà allargato il “cratere” del decreto legge). Renzi ha detto: «Noi ricostruiremo tutto: le case, le chiese, gli esercizi commerciali».

12:40 30 Ott 2016

12:31 30 Ott 2016

Alcune linee ferroviarie che erano state interrotte sono di nuovo in servizio. Tra queste la linea Foligno-Terontola, la linea Pescara-Sulmona e il tratto Orte-Fossato di Vico-Gubbio.

12:25 30 Ott 2016

Fabrizio Curcio, capo della protezione civile, ha di nuovo fatto una conferenza stampa alle 12:15: ha confermato che non risultano morti, e che ci sono una ventina di feriti, di cui alcuni ricoverati con codice giallo (cioè non gravi). Curcio ha detto che in molte aree le linee elettriche e quelle dell’acqua potabile sono interrotte. Ci sono alcune frazioni, ha detto Curcio, isolate nei collegamenti stradali, ma ha detto che «non risultano particolari criticità». La maggior parte sono state comunque raggiunte. Alcune strade sono aperte solo ai mezzi di soccorso. Curcio non ha fornito una stima delle persone sfollate.

12:21 30 Ott 2016

Il comune di Amatrice ha chiesto di non andare in città in occasione della festività della commemorazione dei defunti domani, 1 novembre, a causa del terremoto.

12:16 30 Ott 2016

Dopo il terremoto delle 7:40 ci sono state decine di altre scosse nella zona al confine tra Marche e Umbria. Dalle 7:40 alle 10:00 le scosse con magnitudo maggiore di 3.0 sono state 50. Quelle con magnitudo maggiore di 4.0 sono state 11, sei delle quali in provincia di Perugia.

12:10 30 Ott 2016

A Roma è stata chiusa temporaneamente la via Flaminia, tra via Fracassini e via Canina, perché sono caduti pezzi di cornicioni e i vigili del fuoco stanno intervenendo insieme ai vigili urbani.

12:01 30 Ott 2016

L’Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria (IGAG) del CNR ha spiegato in un comunicato stampa cosa sta succedendo quando molte scosse di terremoto si susseguono nel contagio sismico (il cosiddetto “sciame sismico”).

Ogni volta che si sviluppa un terremoto lungo una superficie di faglia, la zona ipocentrale si scarica (rilassamento) e vengono caricati i volumi adiacenti (lateralmente) alla faglia stessa. Tali volumi, sottoposti ad un nuovo stato di stress, possono cedere (rompersi) e generare terremoti a loro volta. Sono processi di propagazione laterale della sismicità (contagio) relativamente frequenti, già osservati in altre aree sismiche della Terra come per esempio in Turchia, California e Haiti.

Questo processo sta coinvolgendo l’Appennino centrale in questi mesi. Il terremoto si è spostato da Amatrice verso nord, nell’area di Visso e Ussita, e da questi luoghi oggi nuovamente verso sud nell’area di Norcia, dove il terremoto di Amatrice di agosto si era arrestato. Gli intervalli di tempo tra un terremoto forte e un altro forte adiacente possono essere di anni o decine di anni, ma anche giorni o mesi come sta accadendo oggi in Appennino centrale. Purtroppo non siamo in grado di prevedere quando e come tale sequenza sismica andrà a scemare, né possiamo in linea teorica escludere altri terremoti forti come e più di quelli avvenuti fino ad oggi in aree adiacenti a quelle colpite in questi mesi. Va però detto che se da una parte questa sequenza è fortemente preoccupante, dall’altro lato la propagazione laterale fa sì che si verifichino una serie di terremoti forti ma non fortissimi. Molto peggio sarebbe se tutti questi segmenti della facomunicaglia (Amatrice, Visso, Norcia) si fossero mossi tutti insieme generando un terremoto di magnitudo almeno 7.0.

12:00 30 Ott 2016

11:38 30 Ott 2016

La strada statale 4, la Salaria, ora si può percorrere da Amatrice e dai comuni vicini in direzione di Roma.

11:36 30 Ott 2016

Alcune foto scattate a Norcia e all’Aquila dopo il terremoto di stamattina.

11:34 30 Ott 2016

Alle 11:19 l’INGV ha registrato una scossa di magnitudo 4.1 in provincia di Perugia.

11:28 30 Ott 2016

11:26 30 Ott 2016

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha pubblicato una mappa che mostra dove è stata avvertita la scossa di stamattina. La mappa usa la scala Mercalli-Cancani-Sieberg, che classifica i posti in base all’intensità con cui è stata percepita la scossa in vari posti: i luoghi dove il terremoto si è sentito poco o solamente in determinate condizioni sono colorati in azzurro e blu, quelli dove si è sentito più forte in verde o giallo. I dati sono stati estratti da poco meno di tremila questionari compilati online ed elaborati da INGV.

11:09 30 Ott 2016

La polizia dice di non mettersi in viaggio verso le zone colpite dal terremoto per non ostacolare le operazioni di soccorso.

10:56 30 Ott 2016

Un punto della situazione, per chi arriva ora
• Questa mattina alle 7.40 c’è stato un terremoto di magnitudo 6.5, con epicentro a pochi chilometri da Norcia, in provincia di Perugia (Umbria), e ipocentro a 10 chilometri di profondità; 

•Le zone più colpite sono la provincia di Macerata e Ascoli Piceno (Marche), quella di Perugia (Umbria) e quella di Rieti (Lazio);

• Il capo della protezione civile Fabrizio Curcio ha detto che non ci sono notizie di morti, ma che ci sono stati una decina di feriti, di cui uno è in condizioni gravi;

• Da subito ci sono state segnalazioni di crolli nelle città e nei paesi intorno all’epicentro, gli stessi interessati dal terremoto di mercoledì scorso;

• A Norcia è crollata la Basilica di San Benedetto, insieme ad altri edifici; ci sono stati crolli anche a Castelsantangelo sul Nera, Preci, Arquata del Tronto, Ussita, Visso. Ad Amatrice è crollato il campanile della chiesa di Sant’Agostino;

• È stata la più forte scossa di terremoto a interessare l’Italia dal 1980, quando ci fu il terremoto in Irpinia (di magnitudo 6.9);

Ansa dice che sono crollati anche alcuni cornicioni della Basilica di San Paolo fuori le Mura, a Roma;

• L’epicentro del terremoto di stamattina è a pochi chilometri da quello del terremoto di mercoledì scorso, che era stato di magnitudo 5.9: in questi giorni moltissime persone nella zona hanno dormito fuori dalle proprie case, cosa che probabilmente ha contribuito a ridurre il numero dei morti;

• La strada Salaria è stata in parte danneggiata, ed è stata chiusa al chilometro 112 per chi proviene da Roma; anche a Roma è stato chiuso parzialmente il traffico sulla circonvallazione Clodia, e alcune linee di bus sono state interrotte. In mattinata sono state interrotte temporaneamente anche alcune linee ferroviarie;

• La scossa è stata sentita in tutto il Centro Italia, e anche in alcune zone del Nord Italia.

10:56 30 Ott 2016

Su Facebook il geologo Carlo Meletti, responsabile del Centro Pericolosità Sismica dell’INGV, ha spiegato per quale ragione la misura della magnitudo del terremoto non è arrivata subito. Il dato dell’INGV è quello ufficiale usato dal Dipartimento della Protezione Civile. La United States Geological Survey (USGS), che è un’agenzia governativa degli Stati Uniti, e lo European-Mediterranean Seismological Centre (CSEM) danno i dati sulla magnitudo automaticamente, mentre quelli dell’INGV vengono controllati incrociando i dati di rilevazioni che vengono fatte in luoghi diversi. 

Bisogna anche ricordare che non esiste un solo tipo di magnitudo. L’INGV usa quasi sempre la magnitudo locale per i terremoti in Italia, mentre l’USGS usa diversi tipi di magnitudo a seconda della distanza e delle caratteristiche dei terremoti rilevati.

10:47 30 Ott 2016

Antonia Pasqua Recchia, architetto e direttore generale del Ministero dei Beni Culturali, ha dato un’intervista alla Stampa in cui spiega che la basilica di San Benedetto a Norcia – crollata dopo la scossa di oggi – era già in pessime condizioni dopo il terremoto di qualche giorno fa.

«Abbiamo visto che la cupola era piena di lesioni e che era necessario intervenire sul tetto. Volevamo rimuovere le pale dell’altare e avevamo ipotizzato di portarle via ma ci siamo anche resi conto che saremmo dovuti restare dentro troppo a lungo, avremmo corso dei rischi troppo grandi».
Che cosa avete deciso?
«Alla fine abbiamo deciso di lasciare le pale all’interno e di fare un intervento di messa in sicurezza dall’esterno sul tetto. Ci eravamo messi d’accordo per vederci lunedì mattina. Purtroppo la scossa di stamattina ha fatto crollare, tutto ma sarebbe stato impossibile fare più in fretta».

10:35 30 Ott 2016

Il vicesindaco di Norcia, una delle città descritte come “esempio virtuoso” per via dei suoi molti edifici ricostruiti con accorgimenti antisismici, ha detto a SkyTG24 che da una prima ricognizione gli edifici in questione «hanno retto».

10:29 30 Ott 2016

A Roma la linea degli autobus 69 è stata deviata e ci sono dei ritardi. La circonvallazione Clodia è parzialmente chiusa.

10:27 30 Ott 2016

INGV ha confermato che il terremoto di oggi è quello con magnitudo maggiore avvenuto in Italia dal 1980. L’ultimo terremoto con magnitudo maggiore 6.5 è stato quello dell’Irpinia del 23 novembre 1980, che ebbe magnitudo di 6.9. Sul sito dell’USGS si può vedere una mappa con gli epicentri di tutti i più forti terremoti che hanno colpito l’Italia.

10:21 30 Ott 2016

ANSA dice che sono caduti dei cornicioni nella Basilica di San Paolo fuori le Mura, una delle chiese più visitate di Roma. La Basilica è stata temporaneamente chiusa.

10:18 30 Ott 2016

Stanno tornando attive alcune linee ferroviarie chiuse per precauzione dopo il terremoto, come la Roma-Viterbo e la Roma-Lido di Ostia.

10:06 30 Ott 2016

Come in seguito al terremoto di qualche giorno fa, si temono danni sulla strada statale 4, la cosiddetta Salaria. La polizia ha fatto sapere che la strada è chiusa al chilometro 112 per chi viene da Roma – cioè più o meno nella zona di Accumoli – e in generale ha sconsigliato di usare la SS4. Ci sono notizie di danni anche in altre sezioni della statale, per ora non confermate.

10:06 30 Ott 2016

Ad Amatrice è crollato il campanile della chiesa di Sant’Agostino, che aveva già subito dei crolli ad agosto.

10:02 30 Ott 2016

Le immagini di stamattina di alcune suore aiutate dai vigili del fuoco, da RaiNews24.

10:00 30 Ott 2016

09:59 30 Ott 2016

Sui feriti, durante la conferenza stampa, Fabrizio Curcio ha detto: «Qualche decina di feriti, di lieve entità, tranne una persona che viene segnalata di qualche gravità. Ma diamo il tempo alle strutture sanitarie di controllare».

09:59 30 Ott 2016

09:53 30 Ott 2016

INGV ha stimato la magnitudo di una scossa delle 9:35 a 4.4.

09:51 30 Ott 2016

Le prime segnalazioni del terremoto, su Twitter, sono arrivate questa mattina subito dopo le 7:40. Nei minuti successivi sono state diffuse stime non corrette della magnitudo del terremoto: i canali di all news hanno detto che era stata di 7.1, finché alle 8:07 INGV ha diffuso le proprie rilevazioni, che hanno stimato inizialmente la magnitudo a 6.1, poi rivista 6.5. A quel punto anche i telegiornali hanno riportato la magnitudo corretta.

Questa revisione delle stime ha fatto però circolare di nuovo una bufala già venuta fuori dopo il terremoto nel Centro Italia dello scorso agosto, secondo la quale la magnitudo sarebbe stata abbassata per evitare allo Stato di dover risarcire le persone terremotate. Non è vero, ovviamente, come è spiegato qui.

Tra quelli che hanno tirato fuori la bufala questa mattina c’è stata Enza Blundo, senatrice del Movimento 5 Stelle.

09:47 30 Ott 2016

L’epicentro del terremoto delle 7:40 è a pochi chilometri da quelli delle scosse di mercoledì, di magnitudo 5.4 alle 19:10 e di 5.9 alle 21:18. I comuni dove ci sono stati più crolli sono Visso e Castelsantagelo sul Nera in provincia di Macerata, e Norcia e Preci in provincia di Perugia.

09:44 30 Ott 2016

Fabrizio Curcio, capo della protezione civile, ha confermato che per il momento non ci sono notizie di morti, ma che ci sono stati diversi crolli nelle città intorno all’epicentro e che ci sono problemi di viabilità sulla Salaria.

09:40 30 Ott 2016

Il sempre prezioso Decalogo minimo per la cronaca di un terremoto scritto da Emanuele Menietti.

“Non confrontare terremoti con magnitudo simili avvenuti in diverse aree del mondo: gli effetti delle scosse sono determinati anche dalle caratteristiche del territorio, da come sono stati costruiti gli edifici e da altre variabili.”

09:38 30 Ott 2016

Il Quirinale informa che sono sospese le visite, oggi.

09:36 30 Ott 2016

Facebook ha attivato la sua funzione “Safety Check” per il terremoto nel centro Italia. Il servizio serve per segnalare ai propri amici dove ci si trova per le persone nelle zone interessate dalle scosse di questa mattina.

09:16 30 Ott 2016

Per ora non ci sono notizie di morti o feriti, ma la Protezione Civile sta cercando di capire se ci siano persone sotto le macerie. I vigili del fuoco stanno cercando di mettersi in contatto con le persone che si trovano in zone rimaste isolate. Il terremoto di mercoledì scorso nella stessa zona non aveva provocato né morti né feriti gravi.

09:15 30 Ott 2016

La Basilica di San Benedetto a Norcia fu costruita a partire dalla fine del Trecento, e modificata nei secoli successivi. Prima del crollo di oggi era così:

09:13 30 Ott 2016

Il Corriere della sera ha riportato le dichiarazioni di alcuni sindaci delle zone colpite. Il sindaco di Castelsantangelo sul Nera Mauro Falcucci, che si trova a Fano, ha detto: «Mi dicono che ci sono stati crolli, è un disastro». Il sindaco di Preci (provincia di Perugia) Pietro Bellini ha detto: «Stiamo verificando che nessuno sia stato colpito, ma ci sono crolli anche di chiese, nelle frazioni e negli altri centri minori». Gianluca Pasqui, sindaco di Camerino, invece ha detto: «Il centro è stato evacuato, gli edifici dei quartieri più a rischio dichiarati inagibili, ma ci sono 47 frazioni e casolari sparsi. Ci sono crolli che hanno interessato palazzi già compromessi dalle scosse dei giorni scorsi. Non abbiamo per ora notizia di dispersi o di morti». Il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci ha detto che «la nuova scossa ha danneggiato quello che era rimasto in piedi. Ora dovremo ripartire da zero».

09:05 30 Ott 2016

Sono state interrotte alcune linee ferroviarie dell’Umbria e delle Marche per permettere ai tecnici di Rete Ferroviaria Italiana di fare alcuni controlli. Le linee temporaneamente chiuse sono quella che collega Foligno e Terontola, quella tra Orte e Falconara, quella tra Ascoli e Porto d’Ascoli, quella tra Terni e Sulmona e quella tra Pescara e Sulmona. 


A Roma i servizi della metropolitana sulle linee A e B sono stati temporaneamente sospesi; sono rimpiazzati da servizi autobus sostitutivi. 

08:52 30 Ott 2016

INGV ha pubblicato una mappa che mostra tutte le scosse di terremoto avvenute nell’Italia centrale dal 24 agosto 2016 alle ore 8:00 del 30 ottobre 2016. Le stelle bianche sono i quattro terremoti di magnitudo 6.0 e 5.4 del 24 agosto e di magnitudo 5.4 e 5.9 del 26 ottobre. La stella rossa è il terremoto di oggi delle 7:40. L’epicentro di questo terremoto è tra le province di Macerata, Perugia e Ascoli Piceno, a 7 chilometri da Castelsantangelo Sul Nera, 5 chilometri da Norcia e 17 chilometri da Arquata del Tronto.

08:42 30 Ott 2016

INGV ha ricalcolato la magnitudo della scossa delle 7:40, la più forte di questa mattina: da 6.1 è stata alzata a 6.5. INGV segnala che la rilevazione potrebbe ancora essere modificata.

08:40 30 Ott 2016

Dopo la scossa delle 7:40, di magnitudo 6.1, ce ne sono state altre più lievi, come segnalato da INGV: 

– alle 8, con magnitudo di 4.1 nella zona di Perugia;
– alle 8:07, con magnitudo di 4.2 nella zona di Rieti;
– alle 8:10, con magnitudo 3.7 nella zona di Perugia;
– alle 8:13, con magnitudo 4.5 nella zona di Rieti.

08:36 30 Ott 2016

Sky TG24 è in diretta da Norcia, e sta mostrando che ci sono stati diversi nuovi crolli: il più grave sembra abbia riguardato la Basilica di San Benedetto, che è crollata quasi interamente. Potete seguire la diretta di Sky TG24 qui.

08:34 30 Ott 2016

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia dice che il terremoto, avvenuto alle 7.40, ha avuto magnitudo di 6.1, con epicentro vicino a Norcia, in provincia di Perugia. L’ipocentro invece è stato a 10 chilometri di profondità.

Mostra commenti ( )