(ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)
  • Italia
  • venerdì 21 ottobre 2016

Lo sciopero generale finirà questa sera: le cose da sapere

Riguarda anche i trasporti pubblici: le informazioni utili, soprattutto per chi deve spostarsi

(ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

Lo sciopero generale proclamato per oggi, venerdì 21 ottobre, dai sindacati USB, USI e Unicobas, è in corso e terminerà questa sera. Sono coinvolti tutti i lavoratori pubblici e privati, tra cui quelli del settore dei trasporti: a livello locale, gli orari dello sciopero dei mezzi pubblici sono diversi da città a città.

A Milano la circolazione dei mezzi durante la giornata è stata regolare: tutte le informazioni in tempo reale si possono trovare sul profilo Twitter di ATM. A Roma invece le linee A e C della metropolitana sono state in servizio solo nelle fasce orarie di garanzia: anche qui, aggiornamenti in tempo reale si trovano su Twitter. Qui sotto invece ci sono tutte le informazioni sui treni, gli aerei e le fasce di garanzia dei mezzi nelle altre città.

Trasporto pubblico locale

Roma: ATAC ha scritto che il servizio sarà garantito da inizio turno alle 8.30 e dalle 17 alle 20, e che non sarà garantito il servizio di bus notturni nella notte tra il 21 e il 22 ottobre.

Milano: il servizio dei mezzi pubblici sarà regolare da inizio turno fino alle 8.45 e dalle 15 alle 18.

Torino: le fasce di garanzia in cui i mezzi circoleranno saranno quelle dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15.

Napoli: le fasce di garanzia andranno dalle 5.30 alle 8.30 e dalle 17 alle 20.

Firenze: il servizio sarà effettuato da inizio turno alle 9 e dalle 12 alle 15.

Bologna: i mezzi circoleranno regolarmente da inizio turno alle 8.30 e dalle 16.30 alle 19.30.

Aerei e navi

Saranno assicurati i voli nelle fasce di garanzia dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21. L’Ente nazionale aviazione civile (ENAC) ha pubblicato l’elenco dei voli che partiranno regolarmente. Qui invece ci sono le indicazioni sui voli Alitalia. I dipendenti delle società di trasporto marittimo sciopereranno invece per l’intera giornata, a partire da un’ora prima delle partenze di venerdì 21 ottobre.

 Treni

Il personale fisso del trasporto ferroviario sciopererà per 24 ore, mentre per gli addetti alla circolazione dei treni lo sciopero si svolgerà dalle 9 alle 17: Trenitalia ha scritto sul suo sito che le Frecce circoleranno regolarmente, e ha pubblicato un elenco dei treni che subiranno modifiche. Anche Ntv (la società proprietaria dei treni Italo) ha pubblicato sul suo sito l’elenco dei treni che viaggeranno regolarmente. Trenord, l’azienda dei treni regionali lombardi, ha scritto che viaggeranno regolarmente i treni che partono entro le ore 9 e arrivano a destinazione entro le 10, mentre tutti gli altri convogli potrebbero subire ritardi o cancellazioni.

Manifestazioni in tutta Italia

Nel pomeriggio ci saranno presidi e manifestazioni in molte città, e a piazza San Giovanni a Roma, durante la manifestazione dei sindacati, verrà ricordato Abd Elsalam Ahmed Eldanf, l’operaio morto a Piacenza lo scorso 14 settembre. Sabato 22 ottobre, sempre da piazza San Giovanni, partirà il corteo di una manifestazione nazionale «per difendere lavoro e stato sociale, a sostegno del No al Referendum e contro le politiche del governo Renzi».

Le ragioni dello sciopero generale

L’USB ha scritto sul suo sito che lo sciopero è stato proclamato, tra l’altro, per protestare contro la politica economica del governo Renzi, contro il sistema previdenziale regolato dalla legge Fornero e contro la riforma scolastica della “Buona scuola” e quella  della Costituzione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.