(Soylent)

Le barrette Soylent fanno vomitare

Sono il nuovo prodotto dell'azienda che vende il famoso beverone sostitutivo dei pasti, ma sono state ritirate dopo decine di segnalazioni di persone che si sono sentite male

(Soylent)

A un mese dalla loro introduzione, Soylent ha ritirato dal mercato le sue barrette che promettevano di sostituire un pasto normale, e che si aggiungevano al prodotto più famoso dell’azienda, quella specie di beverone composto da acqua e sostanze nutrienti, che dovrebbe essere sufficiente per i bisogni nutrizionali giornalieri di una persona. Le barrette, su cui Soylent puntava moltissimo per allargare la sua clientela, sono state ritirate in seguito alle segnalazioni di decine di persone che hanno detto di essersi sentite molto male dopo il loro consumo. La sospensione delle vendite è avvenuta la scorsa settimana, ma non ci sono ancora molti dettagli sulle cause dei malesseri dovuti alle barrette: quelli di Soylent hanno invitato i loro clienti a non consumare quelle già acquistate, chiedendo di attendere che siano effettuate verifiche di sicurezza.

Soylent è una startup che sta applicando in campo alimentare molti principi utilizzati dalle società emergenti della Silicon Valley: entrare in un settore e provare a cambiarlo con innovazioni di vario tipo. L’azienda ha scelto quello alimentare e si è inventata un prodotto che può essere consumato al posto dei cibi tradizionali, risparmiando denaro per i pasti e tempo per la loro preparazione. In breve tempo il Soylent è diventato un prodotto molto richiesto negli Stati Uniti, soprattutto nella stessa Silicon Valley, diventando una sorta di moda soprattutto tra i consumatori più giovani. Il successo del Soylent, che per ora è commercializzato solo negli Stati Uniti, ha portato alla nascita di concorrenti in altre parti del mondo, come Joylent in Europa, ma con esiti alterni e per ora non comparabili a quelli tra gli statunitensi (il Joylent ha avuto un momento di popolarità anche tra alcuni membri della redazione del Post nel 2015: c’è ancora un grande scatolone da smaltire in un angolo della redazione, a cui nessuno si avvicina più).

Gizmodo è stato tra i primi siti d’informazione a occuparsi dei problemi con le barrette Soylent, segnalando che su Reddit erano stati aperti diversi gruppi per discutere dei malesseri causati dal nuovo prodotto. Una delle discussioni con più commenti inizia con questa segnalazione:

Penso che qui dentro i livelli di ipocondria possano essere talvolta irritanti (“È stato il Soylent a farmi diventare gialla l’unghia di un dito del piede sinistro??”), tuttavia sembra che si stiano accumulando prove su sintomi tipo avvelenamento che potrebbero essere legati al consumo delle barrette…
A settembre ho avuto attacchi di vomito molto forti a distanza di 3 – 4 ore dall’assunzione di una barretta. Il vomito è durato per diverse ore. Penso che sia stato l’attacco di vomito peggiore della mia intera vita. Non ho invece avuto diarrea.

Decine di altri utenti hanno raccontato problemi gastrointestinali più o meno intensi e che si sono verificati dopo avere fatto un pasto con le barrette. Oltre al vomito, molti hanno avuto crampi e dissenteria per alcune ore. È stato dopo queste segnalazioni e l’articolo su Gizmodo che Soylent ha deciso di sospendere le vendite delle barrette e di pubblicare un breve comunicato il 13 ottobre, nel quale invita i suoi clienti a non consumare il prodotto fino a quando non saranno state effettuate altre verifiche:

Per ora non abbiamo identificato problemi con le barrette e questo problema non sembra comunque interessare i nostri drink e i preparati in polvere. Mentre proseguiamo con le indagini, abbiamo deciso di applicare qualche cautela. Ci metteremo in contatto via email con tutti gli acquirenti delle barrette per offrire un rimborso completo.

Il caso delle barrette mette nuovamente in cattiva luce Soylent, dopo le critiche ricevute in passato sulla qualità e l’efficacia dei suoi prodotti. Il fatto che il consumo dei preparati sia sufficiente per sostituire la normale alimentazione è messo da tempo in discussione, e le prime ricerche scientifiche sul tema sembrano confermare che basare la propria intera dieta sul Soylent non sia raccomandabile per la salute. L’azienda aveva ricevuto altre critiche legate al sapore dei suoi prodotti, non proprio entusiasmante e definito simile a quello del cartone bagnato dai più critici. Nell’estate dello scorso anno Soylent aveva avuto inoltre qualche problema legale, quando si era scoperto che la società non raggiungeva gli standard di sicurezza alimentare imposti dalle leggi californiane. Alcuni di questi problemi sono stati superati con l’introduzione di una nuova ricetta e Soylent è comunque riuscita a mantenere una base di fedeli clienti, che continuano a consumare i suoi prodotti.