Papa Francesco prega tra le macerie ad Amatrice, 4 ottobre 2016 Greg Burke via Twitter
  • Italia
  • Questo articolo ha più di sei anni

Le foto del Papa ad Amatrice

Papa Francesco si è presentato un po' a sorpresa alla struttura provvisoria che ospita la scuola distrutta dal terremoto: è stato anche ad Accumoli e Arquata del Tronto

Papa Francesco prega tra le macerie ad Amatrice, 4 ottobre 2016 Greg Burke via Twitter

Papa Francesco sta visitando i paesi più colpiti dal terremoto che a fine agosto ha interessato diverse zone del Centro Italia. La visita di Papa Francesco è arrivata quasi a sorpresa: nei giorni successivi al terremoto aveva detto di voler visitare le zone colpite, ma non aveva annunciato una data precisa. Il Corriere della Sera ha scritto che «gli stessi vescovi delle due diocesi colpite, Rieti e Ascoli, hanno avuto la conferma solo al mattino [di oggi]». Il Papa è stato ad Amatrice, in provincia di Rieti, dove ha visitato la struttura provvisoria che ospita la scuola e il centro della città, e più tardi ha visitato anche Accumoli e Arquata del Tronto.

Alla scuola di Amatrice il Papa ha salutato i bambini e poi ha tenuto un breve discorso fuori dalla struttura. Parlando da un piccolo microfono, il Papa ha detto: «la mia visita forse crea più ingombro che aiuto. Non volevo dare fastidio, per questo ho lasciato passare un po’ di tempo […]. Dal primo momento ho sentito che dovevo venire qui. Semplicemente per dire che vi sono vicino, che vi sono vicino, niente di più, e che prego, prego per voi. Vicinanza e preghiera, questa è la mia offerta a voi». Poco dopo il discorso, Papa Francesco ha visitato il centro di Amatrice, dove è stato fotografato mentre si aggirava fra le macerie degli edifici.

Papa Francesco si è presentato ad Amatrice con una macchina con la targa italiana, probabilmente per dare meno nell’occhio. Vania De Luca, vaticanista di Rainews24, ha spiegato che il Papa aveva avvisato i giornalisti che lo seguono nei suoi impegni pubblici che avrebbe voluto visitare le zone colpite del terremoto da solo, senza causare eccessiva agitazione.