(Getty Images/Getty Images)

Malagò su Raggi: «Una donna non deve mai chiedere scusa»

Il presidente del CONI ha risposto così a chi gli chiedeva se Raggi si era scusata per il mancato incontro di ieri

(Getty Images/Getty Images)

Giovanni Malagò, il presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), ha commentato con alcuni giornalisti la decisione del comune di Roma di ritirare la candidatura per organizzare le Olimpiadi del 2024 e il suo rapporto con Virginia Raggi, la sindaca di Roma. La breve intervista è avvenuta oggi a Roma dopo la presentazione degli Europei di calcio del 2020, che in parte si terranno a Roma (per la prima volta nella sua storia, gli Europei non si terranno in uno o due paesi organizzatori ma in 13 città diverse). Prima della presentazione, Malagò ha incontrato Raggi: una giornalista ha chiesto se in quell’occasione Raggi si è scusata dell’«incidente» di ieri, cioè del mancato incontro fra CONI e comune di Roma, che secondo il CONI è saltato a causa di un ritardo della delegazione del comune. Malagò ha detto di no, e rispondendo a un’altra domanda di un giornalista sullo stesso tema ha aggiunto:

«Ma poi una donna non deve mai chiedere scusa, non c’è problema, si figuri»

Ieri, in teoria, prima della conferenza stampa in cui Raggi ha spiegato la rinuncia del Comune era previsto un incontro con alcuni dirigenti del CONI. L’incontro non c’è stato perché il CONI si è lamentato del fatto di avere aspettato per 35 minuti che Raggi arrivasse. Durante la conferenza Raggi ha detto che era occupata con un impegno istituzionale e che il CONI non ha aspettato per 40 minuti. Successivamente il Corriere dello Sport ha pubblicato delle foto scattate a Raggi mercoledì, secondo il giornale durante l’orario in cui era previsto l’incontro col CONI: mostrano Raggi a pranzo assieme all’assessore ai Trasporti di Roma Lindea Meleo, smentendo la sua versione di un “incontro istituzionale”. L’autenticità delle foto non è ancora stata confermata ufficialmente.

Malagò aveva anche salutato Raggi con un baciamano, spiegando che è sua abitudine farlo con persone con cui non ha confidenza. Malagò ha 57 anni ed è un noto imprenditore e dirigente sportivo. Nel 2000 entrò nella giunta del CONI, di cui nel febbraio 2013 è diventato presidente.