• Italia
  • giovedì 15 settembre 2016

«Come ogni anno mio figlio non ha svolto i compiti estivi»

Il Corriere ha parlato con i genitori che hanno scritto la lettera agli insegnanti circolata molto su Facebook: «Voi avete nove mesi per dargli nozioni e cultura, io tre mesi per insegnargli a vivere»

Marino Peiretti, un uomo di Varese che è padre di un ragazzino che ha cominciato in questi giorni la terza media, ha pubblicato su Facebook una lettera indirizzata alle insegnanti in cui spiega che ha scelto di non far svolgere al figlio i compiti assegnati per le vacanze, e spiega anche le cose che suo figlio Mattia ha imparato negli ultimi tre mesi.

14317484_10207018460795503_4760960198092287976_n

La lettera è stata ripresa oggi da diversi giornali, ne scrive il Corriere della Sera che ha parlato con i genitori:

Il primo giorno di scuola (terza media alla Vidoletti di Varese) si è presentato con una giustificazione «esemplare», scritta dal papà. «Vorrei informarvi che come ogni anno mio figlio non ha svolto i compiti estivi». Incomincia così la lettera indirizzata agli insegnanti. «Per scelta non li ha fatti, non per cattiva volontà o per dimenticanza», spiega al telefono Marino Peiretti, 55 anni, operaio in cassa integrazione e musicista. Una scelta che lui, insieme alla mamma Ilaria, difende da anni con assoluta convinzione. «I compiti estivi sono deleteri» afferma, citando pedagogisti e psicologi e sistemi scolastici di Paesi dove si punta tutto sul lavoro in classe «senza che poi ci sia bisogno di esercitarsi anche a casa».

«Voi avete nove mesi per dargli nozioni e cultura, io tre mesi per insegnargli a vivere», ha scritto ai professori di suo figlio. Anche Mattia («curioso, intelligente, con molta voglia di imparare») è stato coinvolto nella decisione. Il papà si è poi impegnato personalmente per rendere la sua estate una parentesi di creatività: «Abbiamo fatto lunghe gite in bicicletta, vita di campeggio, gestione della casa e della cucina. Abbiamo costruito la sua nuova scrivania e l’ho aiutato nel suo interesse primario: programmazione ed elettronica». Un planning intenso e alternativo, come un vero professionista, «che in vacanza porta le sue idee ma non la routine del lavoro». Dall’elenco dei compiti, in realtà, qualcosa ha preso: un paio di libri di Jules Verne e un altro di Isaac Asimov. Poi assieme a Mattia ha «dato spazio alle materie che a scuola non si fanno».

(Continua a leggere l’articolo sul Corriere della Sera)

Mostra commenti ( )