(Alexandre Loureiro/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 13 settembre 2016

Gli atleti delle Paralimpiadi che hanno corso più veloce di quelli delle Olimpiadi

I primi quattro classificati della finale dei 1500 metri per persone con disabilità visive ci hanno messo meno del vincitore alle ultime Olimpiadi

(Alexandre Loureiro/Getty Images)

Domenica 11 settembre c’è stata la finale dei 1500 metri maschili delle Paralimpiadi di Rio 2016 nella categoria T12/T13, nelle quali gareggiano atleti con disabilità visive. I primi quattro classificati della gara hanno corso in un tempo inferiore rispetto a quello del vincitore dei 1500 metri maschili alle Olimpiadi di Rio, l’americano Matthew Centrowitz. La gara delle Paralimpiadi è stata vinta dall’algerino Abdellatif Baka, che ci ha impiegato 3:48.29 (il nuovo record del mondo nella categoria); dietro di lui sono arrivati l’etiope Tamiru Demisse, il kenyano Henry Kirwa e l’algerino Fouad Baka (fratello di Abdellatif), che ci ha messo 3:49.59. Centrowitz, invece, ci impiegò 3:50.00.

La ragione principale è che i 1500 metri sono una gara molto tattica, in cui gli atleti dedicano molti sforzi ed energie a studiare gli avversari, a tenere il loro passo, a mantenere la propria posizione e a prevenire i sorpassi. Ogni gara dei 1500 metri ha quindi un ritmo proprio, che nel caso di quella delle Olimpiadi di Rio 2016 è stato molto lento: è stata infatti la più lenta finale olimpica dal 1932, soprattutto perché Centrowitz si è piazzato presto in testa alla gara e ha imposto un passo lento agli altri atleti. La gara di domenica, al contrario, è stata eccezionalmente veloce per essere una finale delle Paralimpiadi: il tempo di Baka è stato di soli 16 secondi inferiore rispetto al record olimpico, stabilito nel 2000 a Sydney dal kenyano Noah Ngeny.

Dopo la gara, Baka ha detto: «Non è stato facile vincere questa medaglia d’oro. Ho lavorato per uno o due anni senza sosta, ed è stato molto, molto duro per me». Gli atleti delle categorie T12 e T13 vedono al massimo un decimo delle persone con una vista normale, e spesso hanno gravi impedimenti nella visione periferica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.