C’è un po’ di ostilità tra Wikileaks e Snowden

In un breve scambio di vedute su Twitter, Snowden ha parlato della necessità di selezionare le informazioni da rendere pubbliche, Wikileaks gli ha dato dell'opportunista

Giovedì c’è stato uno scambio di tweet un po’ ostili tra Edward Snowden, il famoso whistleblower statunitense da cui arrivarono i documenti riservati sui programmi di spionaggio della National Security Agency (NSA), e Wikileaks, l’organizzazione di Julian Assange che di recente si è resa responsabile della diffusione delle email trafugate al Partito Democratico statunitense. È stata una cosa insolita, visto che tra Snowden e Wikileaks i rapporti sono stati sempre buoni.

Tutto è iniziato quando Snowden ha scritto su Twitter: «La democratizzazione dell’informazione non è mai stata più vitale, e @Wikileaks ha aiutato in questo. Ma la sua ostilità anche a una minima selezione delle informazioni in suo possesso è uno sbaglio». Wikileaks ha risposto alzando parecchio il tono dello scontro: «@Snowden L’opportunismo non ti farà ottenere la grazia da Clinton e la selezione non può essere censurare informazioni sui flussi di denaro che riguardano il partito al governo».

In generale Wikileaks ha un approccio più radicale di Snowden riguardo alla selezione delle informazioni da diffondere. Nel caso delle email trafugate al Partito Democratico statunitense, Wikileaks ha pubblicato anche i numeri di carte di credito e di passaporti di alcuni finanziatori, mettendoli a rischio di eventuali furti di identità. Nella diffusione delle informazioni sulla NSA, invece, Snowden aveva lavorato soprattutto con il Guardian e il Washington Post ed era stata fatta una selezione che aveva permesso di non rendere pubbliche cose che avrebbero potuto danneggiare la sicurezza nazionale o quella delle persone coinvolte.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.