pokemon-go
(Olivia Harris/Getty Images)

Pokémon Go: consigli e trucchi

Come funzionano le palestre e le uova? E come si cercano i Pokémon sulla mappa?

pokemon-go
(Olivia Harris/Getty Images)

Pokémon Go è in Italia da venerdì. È il gioco per smartphone che permette di giocare ai Pokémon sfruttando la realtà aumentata (utilizzando cioè la geolocalizzazione e la propria fotocamera per trovare e catturare i Pokémon nel mondo vero). Pokémon Go un gioco che riprende alcuni dei princìpi dei giochi con i Pokémon che uscirono per Game Boy e poi per altri dispositivi negli anni: in Pokémon Go però ogni giocatore deve vagare per il mondo (quello vero) e cercare e catturare Pokémon, con l’obiettivo di farli diventare più forti così che possano sfidare altri Pokémon di altri giocatori. Pokémon Go è uscito il 6 luglio in alcuni paesi e se ne parla molto da alcuni giorni, soprattutto da quando è uscito negli Stati Uniti. Pokémon Go ha avuto un successo enorme: è diventata in un giorno uno dei giochi per smartphone più popolare di sempre, i giornali e i siti di news ne discutono da settimane, e soprattutto le azioni Nintendo – la società di videogiochi dietro Pokémon Go – sono salite del 50 per cento in una settimana, facendone aumentare il valore di 9 miliardi. Pokémon Go è gratis ma prevede la possibilità di acquistare potenziamenti durante il gioco, pagandoli con soldi veri.

Giocare a Pokémon Go non è molto difficile, ma il gioco offre poche vere spiegazioni, e molte cose bisogna capirle da soli oppure farsele spiegare da amici più sgamati. Su internet sono comparse perciò tantissime guide, e soprattutto su Reddit ci sono lunghissime discussioni tra giocatori sui trucchi migliori per catturare più Pokémon possibile e diventare allenatori esperti. Abbiamo raccolto alcuni consigli utili per chi ha già imparato le basi, ma vuole capire meglio come funziona l’app e come giocarci in maniera più efficace.

Trovare i Pokémon/1

— Trovare e catturare i Pokémon è la cosa più divertente e importante del gioco, almeno per ora: intanto, sapete come si fa a ottenere Pikachu invece di Bulbasaur, Charmender e Squirtle, all’inizio del gioco?

— Se si guarda la mappa sul proprio smartphone, si vedono delle foglie muoversi: significa che in quel punto ci sono uno o più Pokémon, e sarà più probabile incontrarne qualcuno, se ci si va.

— I Pokémon di Pokémon Go tendono a comparire in posti affini alle loro caratteristiche: vicino a laghi e fiumi, o al mare, è più probabile incontrare Pokémon d’acqua, ad esempio. C’è differenza anche tra i Pokémon che si incontrano di giorno e di notte.

— Nell’angolo in basso a destra dello schermo c’è un rettangolo espandibile che indica i Pokémon nei dintorni: almeno in teoria, dovrebbero essere ordinati dal più vicino al più lontano. Sotto ognuno ci possono essere tre, due, una o zero impronte, a indicarne la distanza da dove ci si trova. Una impronta corrisponde più o meno a cento metri, due impronte a trecento, mentre sulle tre impronte ci sono opinioni diverse: c’è chi dice che corrispondono a un chilometro, chi di più. Quando sotto al Pokémon non ci sono impronte significa che si è vicinissimi: se si clicca sul profilo del Pokémon dovrebbe apparire sulla mappa.

Trovare i Pokémon/2

— Capita, camminando, che si veda nel quadrante dei Pokémon nelle vicinanze il profilo di un Pokémon sconosciuto: quando compare, bisogna scegliere una direzione. Se le impronte sotto il suo profilo aumentano, significa che si sta andando nella direzione sbagliata. Se le impronte diminuiscono, ci si sta avvicinando. Se il Pokémon si sposta verso l’angolo in basso a destra, anche senza cambiare numero di impronte, significa che ci si sta allontanando.

— L’app non funziona se non è aperta sul telefono: significa che se si vogliono catturare i Pokémon, bisogna camminare con il telefono in mano, guardando lo schermo. Se vi vergognate, potete provare a cambiare le impostazioni per allungare il tempo dopo il quale si disattiva lo schermo del vostro smartphone. Impostatandolo a mezz’ora, ci si può mettere il telefono in tasca, attivando la vibrazione nelle impostazioni del gioco: il telefono vibrerà quando ci si imbatte in un Pokémon.

— I Pokémon sono nello stesso posto per tutti, e possono essere catturati da tutti (non scompaiono dopo che un giocatore li cattura): potete quindi andare in giro con i vostri amici senza preoccuparvi di rubarveli a vicenda.

Catturare i Pokémon

— Quando si seleziona un Pokémon sulla mappa, si può disattivare l’opzione della realtà aumentata per catturarlo, con il bottone in alto a destra. È meno divertente, ma anche più facile, perché il Pokémon rimane fisso, anche se si muove il telefono. E consuma meno batteria.

— Se si posa il dito sulla Poké Ball, si vede comparire un cerchio colorato sul Pokémon davanti a sé: se si lancia la Poké Ball quando è più piccolo, si ottengono dei punti esperienza in più e si ha più probabilità di catturare il Pokémon.

— Il cerchio che si restringe ha un colore, che corrisponde a quanto sarà difficile catturare il Pokémon: verde significa facile, giallo medio, rosso difficile.

— Se si tiene premuto sulla Poké Ball con l’indice e la si trascina a disegnare una circonferenza, lasciandola andare al momento giusto, si può fare un lancio a effetto, che darà qualche punto esperienza in più.

Dice Tauhid Chappell del Washigton Post: «Una volta che avete catturato un Pokémon, non spostate la fotocamera del telefono, perché altrimenti il gioco si blocca e dovrete farlo ripartire. Un errore da principianti».

Aroma e Modulo Esca

— Di default, ogni giocatore ha a disposizione due Aromi. Salendo di livello, se ne ottengono altri, insieme ai Moduli Esca: entrambi sono strumenti per attirare Pokémon vicino a sé.

— Alcuni giocatori usano Aroma – che dura 30 minuti – per catturare Pokémon mentre se ne stanno sdraiati nel proprio letto. Effettivamente funziona, e in questo modo sicuramente si riesce a catturarne di più di quanti si possa fare normalmente da casa propria.

— Molti giocatori però hanno scritto che i risultati migliori si ottengono se ci si sposta: in questo modo compaiono più Pokémon, e più vari.

— Il Modulo Esca invece si applica ai Poké Stop, e hanno una funzione simile a quella di Aroma, ma fissa. I Moduli Esca valgono per tutti: se vedete sulla mappa un Poké Stop con intorno dei petali rosa svolazzanti, andateci.

Potenziare e fare evolvere i Pokémon

— Uno dei consigli più importanti è: meglio non sprecare molta Polvere di Stelle e Caramelle per potenziare un Pokémon prima di averlo fatto evolvere, e in generale quando siete all’inizio del gioco. Man mano che si sale di livello come allenatore, guadagnando punti esperienza, i Pokémon selvatici che si incontrano sono di livello più alto: se all’inizio del gioco si cattura uno Zubat con 15 Punti Lotta e lo si potenzia fino a farlo arrivare a 100, sarà servito a poco, perché sicuramente in poco tempo se ne incontreranno molti altri con altrettanti PL.

— È meglio catturare tutti i Pokémon che si incontra, anche quelli che si hanno già. Se poi li si ordina in base ai PL, e si trasferiscono al professor Willow tutti i doppioni, tenendo solo quello di livello più alto, si riceve una Caramella per ogni Pokémon trasferito, da usare poi per farli evolvere.

— I giocatori più esperti consigliano di aspettare prima di fare evolvere i Pokémon finché non si è a un livello alto (dal 13-14 in su, indicativamente). Più PL ha un Pokémon, più ne avrà la sua evoluzione: per questo per fare evolvere un Eevee meglio aspettare di trovarne uno almeno sopra i 300 PL, in modo da ottenere un’evoluzione intorno ai 1000 PL. Questo sito calcola quanti PL avranno i propri Pokémon se li si fa evolvere.

Uova

— Quando si trova un uovo, ad esempio a un Poké Stop, è una bella notizia: è il modo migliore per avere qualche speranza di trovare quei Pokémon molto rari e difficili da incontrare camminando. Per questo, i giocatori esperti consigliano di non lasciare mai le incubatrici inutilizzate: se ne ha una di default, che può essere usata infinite volte, e se ne ricevono altre salendo di livello. Oppure si possono acquistare dentro l’app.

— Ci sono uova che si schiudono dopo 2 chilometri, altre dopo 5 chilometri e altre ancora dopo 10 chilometri: e ci sono determinati Pokémon che possono uscire da ognuna. In generale, da tutti e tre i tipi di uova possono uscire Pokémon belli e rari come altri molto comuni. Da quelle da 2 chilometri possono nascere, per esempio, Bulbasaur, Charmender e Squirtle, ma anche Magikarp. Da quelle da 10 possono uscire Onyx e Lapras, ma anche Evee.

Questa è una tabella con i Pokémon che possono nascere da ciascun uovo.

— In teoria, i chilometri sono da fare a piedi. La bici funziona. L’auto solo se si va molto piano (e ovviamente non fatelo se siete voi a guidare). Anche per l’autobus e il treno contano solo i momenti in cui si sta fermando o sta partendo.

Palestre/1

— Dopo aver raggiunto il livello 5, si può cominciare a interagire con le palestre. La prima volta che si clicca su una palestra – che si trovano in punti importanti delle città, e si possono vedere sulla mappa – il gioco chiede di scegliere tra tre squadre: Squadra Coraggio (rossa), Squadra Saggezza (blu) o Squadra Istinto (gialla).

— Le palestre sono occupate da altri giocatori: se appartengono alla propria squadra, l’unica cosa che si può fare è far combattere i propri Pokémon per aumentare il punteggio associato al prestigio della palestra. Se invece la palestra è occupata da giocatori di un’altra squadra, si può provare a conquistarla.

— Se si vuole far salire il prestigio di una palestra della propria squadra, si devono sconfiggere i Pokémon che la difendono con un proprio Pokémon. In questo modo il livello della palestra sale, e per ogni punto di prestigio in più che ottiene può ospitare un nuovo Pokémon in sua difesa, fino a un massimo di 10. I Pokémon in difesa di una palestra devono essere di giocatori diversi.

Palestre/2

— Per conquistare una palestra non basta sconfiggere una volta i Pokémon lasciati in difesa dagli altri giocatori: bisogna batterli diverse volte, per fare scendere a 0 il punteggio del prestigio della palestra. La palestra diventa quindi bianca, e il primo giocatore che mette un Pokémon a difenderla la conquista.

— Se si mette un Pokémon a difesa di una palestra, scomparirà da quelli a propria disposizione. Tornerà disponibile – con i Punti Vita molto bassi – quando un altro giocatore avrà conquistato la palestra. Per ogni 21 ore in cui un proprio Pokémon rimane a difendere una palestra, si possono riscuotere dei premi: bisogna andare nell’opzione Negozio e cliccare lo scudo in alto a destra.

— Dato che in Italia molti giocatori usano Pokémon Go da una decina di giorni, è difficile trovare una palestra che non sia ancora stata occupata. Se non si vive in una grande città, però, si può provare a conquistare una palestra di una zona poco frequentata: può darsi che passino diversi giorni prima che qualcuno la conquisti.

Come evitare di esaurire la batteria, e altri problemi tecnici

— Disattivare la musica del gioco aiuta a risparmiare un po’ di batteria.

— Oltre a disattivare l’opzione in realtà aumentata, ovviamente aiuta anche diminuire la luminosità dello schermo.

— I giocatori più incalliti usano batterie portatili, che in effetti possono essere utili.

— A molti giocatori è capitato che l’app si blocchi subito dopo aver catturato un Pokémon: in quel caso, secondo la maggior parte degli utenti, c’è poco da fare, e bisogna riavviare il gioco. Quando si riapre, si può controllare tra i propri Pokémon – ordinati per data di cattura – se lo si è preso o se è sfuggito. Nel secondo caso dovrebbe ancora essere nei paraggi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.