(AP Photo/Virginia Mayo)

Cosa pensa John Kerry del colpo di stato fallito in Turchia

Al segretario di Stato americano l'operazione non è sembrata «molto ben organizzata ed eseguita»

(AP Photo/Virginia Mayo)

Nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta sabato pomeriggio in Lussemburgo, il segretario di Stato americano John Kerry ha detto che gli Stati Uniti appoggiano il governo democraticamente eletto della Turchia, cioè quello del presidente Erdogan, che nella notte tra venerdì e sabato è riuscito a bloccare un tentativo di colpo di stato da parte di un gruppo di militari. A proposito del golpe e della sua esecuzione, Kerry ha detto:

«Devo dire che non mi è sembrata un’operazione molto ben organizzata ed eseguita»

A quanto risulta al momento, il colpo di stato è stato organizzato da un gruppo di militari relativamente ridotto, senza l’appoggio dei gradi più alti dell’esercito che, fin dalle prime ore, hanno quasi tutti dichiarato di non appoggiare i golpisti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.