Chi sono gli assessori della giunta Raggi

Sono stati presentati oggi alla prima riunione del Consiglio comunale di Roma, dopo diversi giorni di incertezze e attese: sono quasi tutti tecnici

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Giovedì 7 luglio alle 15 c’è stata la prima seduta dell’Assemblea Capitolina, cioè il Consiglio comunale di Roma. Virginia Raggi, nuovo sindaco del M5S di Roma, eletta lo scorso giugno, ha presentato la sua giunta, cioè i nuovi assessori di Roma. La giunta di Raggi era particolarmente attesa, perché è arrivata dopo molte trattative e contrasti interni al M5S di Roma, almeno secondo le ricostruzioni pubblicate dai principali giornali. I nuovi sindaci di Torino e Milano, Chiara Appendino del M5S e Beppe Sala del PD, hanno comunicato la loro giunta diversi giorni fa. Nei giorni scorsi si era discusso in particolare della nomina (la prima ufficiale) del consigliere comunale Daniele Frongia a capo di gabinetto del sindaco e quella del dirigente comunale Raffaele Marra a suo vice. La nomina di Frongia a capo di gabinetto sembrava presentare un problema: la legge Severino (quella che si occupa delle incandidabilità) stabilisce anche che chi ha detenuto cariche politiche nei due anni precedenti non possa ricoprire incarichi “amministrativi di vertice”. Ma Raggi ha chiesto un parere all’Anac che ha detto che la suddetta legge Severino non si applica alla carica di capo di gabinetto. Frongia è stato comunque nominato vicesindaco, e come capo di gabinetto è stata scelta Daniela Morgante. I giornali hanno scritto anche di cambiamenti nella giunta arrivati solo ieri, e in effetti le liste ufficiose pubblicate nei giorni scorsi sono diverse da quella ufficiale: l’ex rugbista Andrea Lo Cicero era indicato come assessore allo Sport (la cui delega è andata a Frongia), e l’ex consigliere comunale Enrico Stefàno era indicato come assessore ai Trasporti (carica affidata invece a Linda Meleo).

Daniele Frongia: vicesindaco e assessore alla Qualità della vita, Accessibilità e Sport
Frongia è un consigliere comunale del Movimento 5 Stelle eletto per la prima volta nel 2013 e rieletto alle ultime elezioni. È considerato uno dei più stretti collaboratori di Raggi, ma anche un suo amico personale: Frongia guidava la macchina con cui Raggi è arrivata per la prima volta al Campidoglio, il palazzo che ospita il sindaco della città. È nato nel 1973 a Roma e si è laureato in Statistica alla Sapienza: ha tenuto dei corsi universitari su internet e analisi di dati ed è stato ricercatore all’Istat. È anche un blogger e ha scritto il libro “E io Pago”, pubblicato da Chiarelettere, un’inchiesta su presunti sprechi nell’amministrazione romana.
Roma: Frongia,io capo gabinetto? Aspettiamo ordinanza

Daniela Morgante: capo di gabinetto
È nata a Roma nel 1973, avvocato, ed è magistrato della Corte dei Conti. Ha lavorato alla Banca Centrale Europea, alla Banca d’Italia e alla CONSOB. È stata assessore al Bilancio di Roma nella giunta del sindaco Ignazio Marino, ma nel 2014 si è dimessa per dei contrasti sulle strategie da adottare per risanare i conti del comune.
morgante-1

Paolo Berdini: Urbanistica
È nato nel 1948 e si è laureato nel 1976 in Urbanistica. Dal 1990 al 1992 è stato segretario generale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, e consulente dell’assessorato all’Urbanistica della Regione Lazio dal 1995 al 1999. Non appartiene al Movimento 5 Stelle (è uno degli assessori tecnici) e le sue posizioni in passato sono state giudicate “di sinistra”.
Roma: Raggi incontra mini-direttorio M5s, nodo giunta

Luca Bergamo: Cultura
È stato direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, uno degli ideatori del festival musicale romano Enzimi, e ha collaborato con le amministrazioni di Francesco Rutelli e Walter Veltroni. Secondo il Messaggero, Bergamo è l’altro assessore politicamente di sinistra, e recentemente si è avvicinato a Pippo Civati.
bergamo-1-2

Paola Muraro: Ambiente e gestione rifiuti
È nata nel 1964, è laureata in Scienze Agrarie e da dodici anni è consulente dell’AMA, la società che si occupa dei rifiuti a Roma. Negli scorsi giorni Repubblica ha scritto che Muraro ha chiesto 200mila euro ad AMA per aver adottato un processo per trasformare alcuni rifiuti in un materiale usato per certe pavimentazioni stradali, che Muraro aveva brevettato nel 2011.
Roma: M5s, nessun problema per giunta, no manuale Cencelli

Marcello Minenna: Bilancio
È nato nel 1971, si è laureato in Economia alla Bocconi nel 1994, ha frequentato un Master alla Columbia University di New York. Ha lavorato per l’azienda Procter & Gamble ed è stato Responsabile dell’Ufficio Analisi Quantitativa e Innovazione finanziaria della CONSOB, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa: in passato ha avuto dei contrasti con Giuseppe Vegas, presidente della CONSOB ed ex senatore di Forza Italia.
Roma: assessori in Campidoglio per prima riunione

Laura Baldassarre: Sociale
Ha lavorato all’UNICEF e per l’Ufficio del Garante nazionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Secondo i giornali, la sua nomina è stata voluta da Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera del M5S.
baldassarre-1

Flavia Marzano: Semplificazione
È stata presidente dell’Associazione Stati Generali dell’Innovazione, un’associazione di imprese ed esperti di innovazione. Si è laureata in Scienze dell’Informazione all’Università di Pisa, ha insegnato all’Università di Bologna e alla Sapienza. È esperta di open data, di internet e di innovazione nella pubblica amministrazione.
marzano-1

Linda Meleo: Trasporti
È nata nel 1978, ha studiato Economia alla Sapienza, all’Università di Rotterdam e ha fatto un dottorato alla Luiss. È esperta di Economia ambientale e ha pubblicato diversi articoli sulla mobilità a Roma, ed è redattrice della rivista Economia dei Servizi, del Mulino.
meleo-1

Adriano Meloni: Commercio, Sviluppo economico, Turismo e Lavoro
È stato fino al 2008 amministratore delegato di Expedia Italia, la società di prenotazione di viaggi online. Prima aveva gestito diversi siti italiani di ecommerce, e dopo ha lavorato per Casaleggio Associati, la società fondata da Gianroberto Casaleggio, di cui era amico (come lo è di Davide Casaleggio, figlio di Gianroberto).
meloni-1

 

Aggiornamento: l’articolo è stato corretto citando il parere dell’Anac sulla compatibilità della eventuale nomina a capo di gabinetto con la legge Severino.