(Robb D. Cohen/Invision/AP, File)

Un’ex concorrente di The Voice americano è stata uccisa dopo un concerto

Si chiamava Christina Grimmie e aveva 22 anni: i motivi dell'aggressore – che si è suicidato poco dopo – non sono ancora stati chiariti

(Robb D. Cohen/Invision/AP, File)

Christina Grimmie, una cantante che nel 2014 aveva partecipato al programma “The Voice” negli Stati Uniti, è stata uccisa dopo un suo concerto a Orlando, in Florida, da un uomo di cui non è stata resa nota l’identità. Venerdì sera, subito dopo l’esibizione, Grimmie stava firmando alcuni autografi quando un uomo le si è avvicinato e le ha sparato. Il fratello di Grimmie ha immediatamente cercato di bloccarlo, e durante la lotta l’assalitore si è suicidato con un colpo di pistola. Grimmie aveva 22 anni e nel 2014 era arrivata terza nella sesta stagione del talent show americano “The Voice”, di cui esiste anche l’edizione italiana. Grimmie aveva iniziato a cantare nel 2009 e alcuni dei suoi video di YouTube, come una cover di “Hello” della cantante Adele, hanno ottenuto milioni di visualizzazioni. La polizia di Orlando ha detto che il motivo dell’aggressione non è ancora stato chiarito.

Dopo essere stata ferita, Grimmie è stata trasportata in ospedale e su Twitter si è rapidamente diffuso l’hashtag #PrayForChristina. Dopo la conferma della morte, l’account Twitter di The Voice ha scritto: “Non si sono parole. Abbiamo persona una bellissima persona con una splendida voce. I nostri cuori sono con gli amici, i fan e la famiglia di Christina».

La polizia di Orlando ha detto che l’intervento del fratello di Grimmie, che ha cercato di disarmare l’assalitore, ha probabilmente contribuito a salvare le vite dei fan che circondavano Grimmie quando è iniziata la sparatoria.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.