Alan Pulido nel 2014 (AP Photo/Eduardo Verdugo, File)
  • Mondo
  • lunedì 30 Maggio 2016

Il rapimento di Alan Pulido

Un calciatore messicano che gioca per l'Olympiacos è stato rapito sabato notte mentre si trovava in uno dei posti più pericolosi del Messico, ma è stato liberato dalla polizia 24 ore dopo

Alan Pulido nel 2014 (AP Photo/Eduardo Verdugo, File)

Il calciatore messicano Alan Pulido è stato rapito nella notte tra sabato 28 e domenica 29 maggio mentre lasciava una festa a Ciudad Victoria, nello stato di Tamaulipas, nel nord del Messico, e liberato circa 24 ore più tardi. Pulido, che ha 25 anni e gioca come attaccante in Grecia per l’Olympiacos e sporadicamente per la nazionale messicana, stava viaggiando in auto sabato notte in compagnia della sua fidanzata: Pulido era stato preso con la forza da sei uomini col volto coperto dopo che la sua auto era stata circondata da alcuni furgoni. La sua fidanzata, Ileana Salas, era stata lasciata libera. Il procuratore dello stato di Tamaulipas, Ismael Quintanilla Acosta, aveva confermato il rapimento e BBC aveva scritto  che già da domenica mattina era in corso una vasta operazione di ricerca da parte della polizia e dell’esercito messicano a Ciudad Victoria, che si trova a circa 200 chilometri dal confine con il Texas. Lunedì mattina è stata diffusa la notizia della liberazione di Pulido, confermata dalle autorità dello stato di Tamaulipas. Secondo il giornale messicano Reforma uno dei sequestratori è stato ucciso dalla polizia durante le operazioni per la liberazione di Pulido. Diversi giornali scrivono che Pulido è in buone condizioni fisiche, ma non ci sono conferme ufficiali.

Un messaggio pubblicato dal profilo Twitter dell’Olympiacos dopo il rapimento: “In questo momento difficile le nostre preghiere e i nostri pensieri sono per Alan”

Lo stato di Tamaulipas, che confina con gli Stati Uniti, è uno dei più violenti di tutto il Messico, un paese dove i rapimenti di civili sono piuttosto frequenti. Secondo il governo ogni anno 1.000 persone vengono rapite, ma alcune stime non ufficiali suggeriscono che il numero reale possa essere anche 10 volte più grande. Nelle ultime settimane decine di persone sono state uccise nello stato di Tamaulipas, da dove passa gran parte del traffico della droga diretta negli Stati Uniti e dove è in corso una lotta tra due fazioni del cartello del Golfo. Ciudad Victoria, la capitale dello stato, è un posto dove sono frequenti le sparatorie in pieno giorno e dove gli abitanti preferiscono non uscire di casa quando è buio. Nonostante la situazione di forte insicurezza, scrive il Guardian, è raro che i trafficanti prendano di mira i calciatori, che raramente si spostano sorvegliati da guardie del corpo (cosa invece frequente imprenditori e altre persone ricche).

Alan Pulido ha iniziato la sua carriera da giocatore di calcio nella squadra messicana del Tigres, passando dalle giovanili alle riserve e infine alla prima squadra, che gioca nel massimo campionato del paese. Nel febbraio 2015, dopo aver avuto problemi contrattuali con il Tigres, Pulido si è trasferito alla squadra greca del Levadeiakos, ma nel luglio dello stesso anno è passato all’Olympiacos, la squadra più forte e titolata del campionato greco con sede ad Atene. Pulido ha partecipato col Messico ai Mondiali del 2014 ma senza mai giocare; è stato escluso dalla squadra che parteciperà alla Copa America che inizierà il 4 giugno.