Renato Brunetta. (ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

Renato Brunetta e tutte le cose che possono cambiare in 5 giorni

"Piena fiducia a Bertolaso. La parola data, come ha ribadito il nostro leader, è per noi fondamentale e imprescindibile"

Renato Brunetta. (ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

Lo scorso 23 aprile Renato Brunetta, ex ministro e dirigente di Forza Italia, ha scritto su Twitter una valutazione netta e inequivoca sulla candidatura di Guido Bertolaso a sindaco di Roma, all’epoca sostenuta dal suo partito nonostante la Lega Nord e Fratelli d’Italia la contestassero da mesi e avessero proposto la candidatura alternativa di Giorgia Meloni.

Sul Foglio di ieri, 28 aprile, Brunetta ha ribadito questo concetto in un lungo articolo intitolato – dalla redazione – “Ciaone al centrodestra salviniano”. Brunetta spiega che l’ipotesi di sostenere Marchini era stata presa in considerazione dal centrodestra ma era stata scartata per l’opposizione di Giorgia Meloni e Matteo Salvini, e poi ribadisce perché per il futuro del centrodestra ha senso che Forza Italia candidi e sostenga Guido Bertolaso.

Questo è il senso della presa di posizione berlusconiana su Bertolaso. Non è una fissazione per non ammettere di aver sbagliato. C’è in questa rigorosa coerenza una magnanimità consapevole, pragmatica e incisiva sul presente. Paradossalmente, indicando senza cedimenti Bertolaso (il quale a sua volta è aperto verso Marchini), apre prospettive di futuro, e mette in luce l’errore strategico, prima ancora che la pochezza politica delle scelte dei suoi storici alleati. […] Una figura scelta per la sua capacità operativa, e l’adesione ai valori di fondo del civismo operoso, premiato in tutta Italia dagli elettori. Invece, siccome non ripete gli slogan di Salvini sulle ruspe e i rom, e non lancia anatemi su Giachetti, viene brutalmente giubilato, senza tenere in alcun conto del veto di Berlusconi alla sua estromissione. Berlusconi così insiste su Bertolaso: perché ascolta la realtà e non ne può più, come gli italiani che non votano, dei giochini sotto il tavolo. Ed ecco allora che Berlusconi prende occasione da questa vicenda amarognola, per ribadire l’identità e il ruolo oggi (non ieri) di Forza Italia.

Poche ore dopo l’uscita in edicola del Foglio con l’articolo di Brunetta, però, i dirigenti di Forza Italia riuniti con Silvio Berlusconi hanno deciso di ritirare il loro sostegno alla candidatura di Guido Bertolaso, che si è quindi ritirato, e sostenere invece Alfio Marchini. Il risultato è stato letto praticamente da tutti gli osservatori politici come una vittoria di Salvini e Meloni, e una sconfitta di Berlusconi e Forza Italia. Brunetta allora ha pubblicato online un altro articolo, con toni piuttosto diversi:

Si torna da dove si era partiti. Dalla figura di Alfio Marchini, la prima scelta di Forza Italia e di Silvio Berlusconi – fortemente condivisa anche da Matteo Salvini (ricordate i risultati dei suoi gazebo?) – e messa nel cassetto solo per il veto di Giorgia Meloni, impaurita di perdere la presunta golden share di Fratelli d’Italia a Roma. La scelta di oggi ribadisce la centralità di Forza Italia. Non significa rivendicazione di solitudine o di separatezza dai due petali di destra, che hanno oggi scelto il proprio riferimento europeo nel Front National di Marine Le Pen. Quello che Forza Italia respinge, con l’indicazione di Bertolaso prima e di Marchini poi, è la mutazione genetica dell’alleanza, per cui si pretende di cambiarne la gerarchia di valori e di ribaltarne il metodo.

Sarà.