L'Hard Rock di New York, 21 aprile 2016 (JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • venerdì 22 aprile 2016

I ricordi viola per Prince

Le foto delle riunioni, memoriali improvvisati, e luoghi colorati a tributo di "Purple rain"

L'Hard Rock di New York, 21 aprile 2016 (JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images)

Prince è morto giovedì 21 aprile a Paisley Park, la residenza-sede-studio che aveva fatto costruire a Chanhassen, vicino a Minneapolis, nel Minnesota: aveva 57 anni ed era stato uno dei cantautori più importanti e popolari della musica statunitense e mondiale. Da ieri centinaia di persone si stanno riunendo a Paisley Park e in altri luoghi per ricordarlo, portando fiori, candele e cantando le sue canzoni. Alcuni edifici sono stati illuminati di viola, come lo stadio Mercedes-Benz Superdome di New Orleans o il municipio di Los Angeles, in ricordo di Purple Rain, il disco e la canzone che furono uno dei suoi più grandi successi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.