• Mondo
  • giovedì 7 Aprile 2016

Ci sono delle nuove immagini del terzo attentatore di Bruxelles

È l'unico che non si è fatto esplodere ed è scappato: la polizia ha diffuso un video che mostra dov'era fino a due ore dopo le bombe

L’ufficio del pubblico ministero di Bruxelles ha diffuso un video che offre alcune nuove informazioni sull’uomo che è ormai noto come “l’attentatore col cappello”, uno dei tre uomini accusati di terrorismo, strage e tentato omicidio in relazione agli attacchi di Bruxelles del 22 marzo. L’uomo col cappello è l’unico dei tre che non si è fatto esplodere: nei giorni dopo gli attentati un uomo era stato arrestato perché sospettato di essere l’uomo col cappello, ma non era lui ed è stato poi rilasciato. Le autorità belghe hanno chiesto di diffondere il video, così che chiunque lo possa vedere ed eventualmente fornire informazioni. Il numero da chiamare è 0800.30.300 (dal Belgio) o lo 0032.25.54.44.88 per chi chiama dall’estero.

Le autorità belghe hanno spiegato che, grazie ad alcuni video di sicurezza dell’aeroporto e di altri luoghi di Zaventem e altri comuni lì vicino, hanno ricostruito parte del percorso che l’uomo ha fatto per andarsene dall’aeroporto dopo l’attentato.

Alle 7.58 lo si vede passare davanti allo Sheraton appena fuori dall’aeroporto e da lì girare a destra e andare verso il parcheggio AVIS, per poi uscire a piedi e andare fino all’abitato di Zaventem. Durante il percorso l’uomo si è anche tolto una sorta di soprabito chiaro (quello che si vede invece nei video che arrivano da dentro l’aeroporto).

Da qui in poi le informazioni sono sulle strade su cui l’uomo è stato visto (la mappa qui sotto spiega tutto): alle 8.50 l’uomo è arrivato all’intersezione tra Grote Daalstraat e la Chaussée de Louvain (una lunga strada che arriva fino al centro di Bruxelles). Da quel momento lo si vede indossare una camicia chiara. Alle 9.52 l’uomo è stato visto da altre telecamere all’incrocio tra la Chaussée de Louvain e carrefour Meiser. L’uomo è stato visto un’ultima volta alle 9.50, all’incrocio tra l’avenue de la Brabanconne e rue du Noyer, nel comune di Schaerbeek (sempre a piedi). Schaerbeek è a circa 10 chilometri da Zaventem e sta tra Zaventem e il centro di Bruxelles. C’è anche una ricostruzione del suo percorso, in cui ogni tappa è indicata su Google Maps. Oltre a chiedere informazioni sull’uomo le autorità sono anche interessate a qualsiasi informazione sul ritrovamento dei suoi vestiti.