(RAUL ARBOLEDA/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • lunedì 21 Marzo 2016

Un’altra sentenza ha permesso la stepchild adoption per una coppia gay in Italia

L'ha emessa il tribunale dei minorenni di Roma nei confronti di una coppia di uomini che ha avuto un figlio in Canada con la gestazione per altri

(RAUL ARBOLEDA/AFP/Getty Images)

Il tribunale per i minorenni di Roma ha riconosciuto la “stepchild adoption”, cioè la cosiddetta “adozione del figliastro”, in favore di una coppia di uomini che ha avuto un figlio tramite inseminazione eterologa effettuata all’estero, cioè la cosiddetta “gestazione per altri” o “surrogazione di maternità”: il procedimento per cui una donna mette a disposizione il proprio utero e porta avanti la gravidanza per conto di terzi.

Il Corriere della Sera ha scritto che i due uomini oggetto della sentenza hanno una relazione stabile dai tempi dell’università, ma non precisa il loro nome, quanti anni hanno o l’età del bambino (anche se sostiene che la sentenza «ha di fatto legalizzato una situazione esistente da tempo»). Non è il primo caso di “stepchild adoption” approvata da un tribunale italiano, dato che di fatto è già prevista dalle attuali leggi sulle adozioni: nel 2014 sempre il tribunale dei minorenni di Roma aveva riconosciuto l’adozione di una bambina di cinque anni da parte della compagna della madre naturale, mentre nel marzo del 2016 lo stesso tribunale di Roma ha riconosciuto la possibilità che una donna potesse adottare la figlia della sua compagna.

Il Tribunale per i minorenni di Roma ha emesso un’altra sentenza storica sull’adozione da parte di coppie omosessuali. Ha concesso l’adozione di un bambino, un maschietto, a due padri omosessuali che sono ricorsi ad una inseminazione eterologa, quindi ad una cosiddetta maternità surrogata, in Canada.

(Continua a leggere sul Corriere della Sera)