Foto tratta da un video pubblicato sul profilo Facebook del candidato sindaco a Napoli per il Movimento Cinque Stelle, Matteo Brambilla, 15 marzo 2016.
  • Italia
  • mercoledì 16 marzo 2016

Chi è Matteo Brambilla, candidato a sindaco di Napoli del Movimento 5 Stelle

È un ingegnere nato e cresciuto a Monza che vive a Napoli da 10 anni: ha ottenuto 276 voti alle comunarie e i risultati delle votazioni online sono stati criticati e derisi

Foto tratta da un video pubblicato sul profilo Facebook del candidato sindaco a Napoli per il Movimento Cinque Stelle, Matteo Brambilla, 15 marzo 2016.

Nelle votazioni online di martedì 15 marzo, gli iscritti al Movimento 5 Stelle hanno scelto come candidato sindaco per il comune di Napoli Matteo Brambilla, un ingegnere originario di Monza. Gli iscritti potevano scegliere tra i tre candidati che erano stati più votati al primo turno delle “comunarie”, le primarie del M5S: alla votazione hanno partecipato 574 iscritti su circa 5 mila e Brambilla ha ottenuto il 48 per cento delle preferenze, pari a 276 voti, la seconda classificata Lucia Francesca Menna ne ha presi 189 e la terza, Stefania Verusio 109.

Nel suo video di presentazione Matteo Brambilla spiega che «a dispetto» del suo cognome vive a Napoli dal 2006 perché ha sposato una napoletana. Spiega di aver deciso «di prendere parte al progetto Napoli perché, come diceva Totó, ogni limite ha una pazienza, e la pazienza, in questi anni nel vedere la città depredata e saccheggiata dai suoi amministratori» lo ha fatto arrivare «al limite».

Matteo Brambilla ha 47 anni, è nato e cresciuto a Monza, si è laureato in Ingegneria meccanica con indirizzo energetico al Politecnico di Milano, si occupa di ambiente ed è attivo all’interno del gruppo del M5S a Napoli (dove si è trasferito dopo essersi sposato) soprattutto sulla questione dei rifiuti: è entrato nel Movimento nel 2008 in occasione delle proteste contro la discarica di Chiaiano, il quartiere dove attualmente vive.

Subito dopo la fine delle votazioni Roberto Fico, parlamentare del Movimento 5 Stelle, responsabile nazionale dei meetup, ha scritto un post su Facebook in cui dice che Brambilla «è una persona eccezionale, onesta, competente. (…) Ha contribuito dal 2006 nel Meetup a costruire la visione di un nuovo modo di essere comunità e fare rete. Metterà questa visione al servizio della città per valorizzarne le infinite ed eccellenti risorse umane, culturali, sociali». Diversi giornali scrivono però che all’interno del cosiddetto “direttorio”, il gruppo dirigenziale intermedio tra i leader Grillo e Casaleggio e i militanti, la favorita era Menna, arrivata seconda, e che Brambilla era considerato per ovvi motivi una specie di “intruso”.

Il risultato della consultazione per scegliere il sindaco di Napoli è stato molto criticato anche all’interno del Movimento. Alla prima selezione avevano partecipato solo 558 iscritti e lo scorso 16 febbraio erano stati espulsi 36 attivisti che facevano parte di un gruppo Facebook “Napoli libera”, perché con le loro discussioni in rete avrebbero «cercato di manipolare» le procedure interne per la scelta del candidato. Nel gruppo dei 36, in tre si erano proposti per la carica di sindaco, gli altri, invece, per un posto nel Consiglio comunale di Napoli. Ora questi stessi attivisti, secondo quanto scrive l’agenzia di stampa Adnkronos starebbero preparando un ricorso contro le votazioni online di Napoli per chiederne l’annullamento.

Il risultato è stato preso in giro anche da diversi esponenti del PD: «Il candidato dei 5 stelle per Napoli si chiama Brambilla. Davvero», ha scritto la deputata Giuditta Pini. «Eletto con 276 clic candidato M5S a Napoli fa pure storia. Si chiama Brambilla. Le comunarie invece sono sempre di più un bluff a 5 stelle», ha detto il senatore Andrea Marcucci. La situazione politica a Napoli è comunque piuttosto complicata: c’è il centrodestra, che candida di nuovo Gianni Lettieri; c’è il sindaco uscente Luigi De Magistris con la sua lista e c’è il centrosinistra che ha candidato Valeria Valente, che ha vinto le primarie. Le primarie del PD a Napoli erano finite sulle prime pagine di tutti i giornali per i presunti brogli durante le votazioni mostrati in un video pubblicato su Fanpage. La procura ha aperto un’inchiesta e Bassolino, che ora dovrà decidere se candidarsi comunque, aveva presentato un ricorso respinto dal comitato organizzatore del Partito Democratico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.