( Tony Smith/SWNS)
  • Mondo
  • sabato 12 Marzo 2016

Il ratto gigante che non sembra essere poi così gigante

È girata molto la foto di un ratto trovato a Londra, di cui si diceva pesasse più di 10 chili e fosse lungo più di un metro: ma era solo una questione di prospettiva

( Tony Smith/SWNS)

Venerdì 11 marzo alcuni dei più seguiti siti d’informazione del Regno Unito – il Sun, il Telegraph e il sito ITV, tra gli altri – hanno condiviso la foto di un ratto gigante apparentemente lungo più di un metro. Nelle ultime ore altri giornali, tra cui il Guardianhanno spiegato con la scienza e con dei pratici esempi fotografici perché la foto non è da considerarsi attendibile. Altri giornali – tra cui il Sun, di nuovo – hanno invece scritto che il ratto potrebbe essere un ratto gigante del Gambia, una specie che esiste per davvero, che può arrivare ad avere una lunghezza di quasi un metro, coda compresa.

La foto e la notizia sono state riprese anche in Italia in articoli che spiegavano che il ratto gigante era stato trovato nell’est di Londra (“vicino a un parco giochi“) da Tony Smith, un ingegnere del gas che a qualche giornale ha raccontato: «È il ratto più grande che ho visto in vita mia. Ho un gatto e un Jack Russell [una razza canina] e il ratto era più grande del gatto e del cane messi insieme. Direi che era lungo circa un metro». L’uomo nella foto insieme al ratto – che secondo molte fonti pesa circa 11 chilogrammi – non è però Smith, è James Green, un elettricista. ITV ha scritto – citando dei generici operai di quell’area – che il ratto era grande quanto un bambino di quattro anni (sovrastimando le dimensioni del ratto, o sottostimando quelle di un bambino di quattro anni). Il Sun cita degli “scienziati dell’Università di Liverpool” secondo i quali il ratto della foto sarebbe un ratto gigante del Gambia, un animale che “si può addomesticare facilmente” e che sta diventando, sempre secondo gli scienziati di Liverpool, un animale da compagnia piuttosto diffuso.

La teoria del Guardian è invece che la straordinaria grandezza del ratto sia dovuta semplicemente a una questione di prospettiva forzata, quella cosa che succede quando un oggetto – o un ratto – molto vicino alla fotocamera sembra molto più grande di quanto non sia in realtà. Il concetto è ben spiegato da una foto messa su Twitter da Daniel Bentley, un giornalista di Fortune.

Oliver O’Brien – un ricercatore e “data scientist” dell’University College di Londra – si è messo addirittura a fare tutti i necessari calcoli per determinare la vera grandezza del ratto, andando oltre l’illusione della prospettiva forzata.

O’Brien ha spiegato al Guardian che secondo i suoi calcoli il ratto potrebbe essere lungo più di un metro solo a patto che l’uomo nella foto fosse alto circa tre metri e mezzo. Secondo i calcoli di O’Brien il ratto è lungo al massimo poco più di mezzo metro, compresa la coda. Un’altra osservazione relativa alle esagerazioni sul ratto gigante l’ha fatta il sito britannico The Media Blog, che ha scritto: «Nessuno sembra aver messo in discussione la sorprendente forza di un uomo che riesce a posare per una foto tenendo in mano una bacchetta alla cui estremità c’è qualcosa che pesa 11,3 chilogrammi». Servirebbero, in effetti, una bacchetta molto resistente e un braccio molto muscoloso.

Il Guardian ha infine spiegato che la foto e la notizia sul ratto gigante arrivano dall’agenzia di notizie SWNS. Il Guardian l’ha contattata e ha chiesto informazioni sul ratto gigante: SWNS ha spiegato che le uniche informazioni sul peso e sulla lunghezza del ratto arrivano da Smith e che, anche secondo loro, “la prospettiva gioca chiaramente un ruolo molto importante”.